Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Una "applicazione" per segnalare gli incendi: invenzione barese

the fire

Un’applicazione mobile in grado di contribuire attivamente alla tutela e alla salvaguardia del nostro territorio: è TAG THE FIRE. L’idea nasce da un team di ragazzi baresi. Abbiamo avuto modo di intervistare un loro rappresentante per saperne di più.

Dott. Rutigliano può darci qualche informazione sul vs team e sul progetto TAG THE FIRE che vi vede coinvolti ormai da quasi un anno e che ha conseguiti riconoscimenti importanti? A riguardo ci può dire come è nato questo progetto e che caratteristiche ha?

Il nostro team è composto da me, Giuseppe e Piera, tutti 30enni baresi attivi in questo progetto volto al miglioramento sostanziale della qualità della segnalazione degli incendi che divampino in aree boschive o rurali. Tale progetto fa sì che, grazie alla cittadinanza attiva coinvolta in prima linea, per mezzo del sistema di geolocalizzazione dei roghi tramite dispositivi mobile (smartphone e tablet), venga comunicato un warning ad un gestionale in dotazione degli organi preposti al controllo del territorio, i quali sapranno con precisione la posizione e la natura della calamità in questione e potranno intervenire di conseguenza. Tag the Fire è nato grazie ad un’idea maturata in un ambiente molto stimolante quale è lo SMAU di Milano, dove mi trovavo per far conoscere un altro progetto innovativo di mobilità sostenibile (Avacar.it). Allo SMAU Business di Bari tenutosi a febbraio scorso grazie all’innovatività dell’idea ci siamo aggiudicati il premio Lamarck da parte di Confindustria Giovani e concorreremo alla selezione del premio nazionale nell’evento milanese di ottobre.

Avete da poco stretto due partnership ufficiali con il Parco Regionale Dune Costiere di Ostuni ed il Comune di Ostuni. Perché un Ente o Istituzioni quali, Parchi, Riserve dovrebbero aderire?

Le nostre partnership hanno la finalità di “fare rete” e diffondere l’idea in quanto siamo consapevoli del fatto che, solo coinvolgendo gli attori del processo di prevenzione/segnalazione degli incendi boschivi, soprattutto quando si parla di aree sensibili quali possono essere i parchi o le riserve naturali, potremo raggiungere quelle istituzioni in qualche maniera responsabili della tutela del territorio floristico e faunistico nazionale. Nuove importanti partnership sono in arrivo grazie anche alle splendide persone che lavorano in ambito forestale, che sposano immediatamente l’iniziativa non appena ne vengono a conoscenza. L’interesse da parte dei parchi è quello di essere ovviamente presenti sul nostro sito ufficiale (www.tagthefire.com) oltre che quello di essere in prima linea nella promozione della sperimentazione di pratiche pionieristiche di salvaguardia ambientale. Stiamo attualmente lavorando con alcune organizzazioni internazionali, per il tramite delle loro sedi regionali, con le quali vorremmo far partire degli interessanti progetti di tutela boschiva.

A tal riguardo se un Ente volesse aderire cosa dovrebbe fare? In generale per richiedere maggiori informazioni quali i riferimenti o le vs modalità per essere contattati?

Se un Ente volesse collaborare potrebbe mettersi in contatto diretto con noi tramite il nostro sito (www.tagthefire.com) e scegliere di diventare un partner ufficiale del progetto, con tutto ciò che questo prevede in termini di visibilità, comunicazione e partecipazione ad eventi tematici, o, meglio ancora, farsi fautore a tutti gli effetti del progetto, anche grazie a dei finanziamenti e alla diretta collaborazione in fase progettuale.

Ad ottobre parteciperete allo SMAU Business di Milano... Complimenti!

Si ad ottobre parteciperemo allo SMAU Business di Milano dove avremo uno stand nella sezione “Percorsi dell’innovazione” e dove porteremo in giro anche i nostri partner (loghi su cartellonistica di partner ed eventuali sponsor).

Siamo stati coinvolti dal CIHEAM (International Centre for Advanced Mediterranean Agronomic Studies), la cui stessa sede farà da teatro ad un programma denominato "Young Innovators Network for Sustainable Ideas in the Agro-Food Sector" ovvero Noble Ideas, una call che coinvolgerà 7 Paesi del Sud Est Europa (Italia, Bulgaria, Ungheria, Romania, Slovenia, Serbia ed Albania). I tre partner ufficiali italiani sono l'ARTI, la Camera di Commercio di Bari ed il Politecnico di Milano. In tale contesto, abbiamo partecipato il 23-24 maggio al Festival dell'Innovazione 2013 che si è tenuto a Bari.

Il progetto non è ancora pronto anche se ci stiamo lavorando ma per realizzarlo e testarlo in maniera definitiva servono dei fondi di cui siamo ancora alla ricerca visto che, sebbene Tag the Fire piaccia agli addetti ai lavori, Protezione Civile regionale compresa, nessun Ente è in grado di erogare, neanche parzialmente, i fondi necessari agli sviluppi.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI