Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Consulta delle Associazioni: si attende fino al 15 febbraio

Sapienza-Mallardi

In occasione dell’Assemblea delle Associazioni riunite nella Consulta tenutasi ieri sera presso la biblioteca comunale, il Presidente Massimiliano Mallardi, ha esposto alcuni punti concernenti la: “Relazione sulla proposta del Regolamento Comunale Associazioni”.

Circa un anno fa è stato redatto un Regolamento che prevedeva la trasformazione della stessa Consulta in un soggetto organizzatore di eventi, cartelloni e manifestazioni e non solo un organo consultivo del Comune e di sostegno delle stesse associazioni.

Suddetto Regolamento non è stato ancora approvato dall’attuale Amministrazione Comunale; a questo punto ci chiediamo il motivo per il quale lo stesso non abbia ricevuto tale approvazione.

Molte sono le supposizioni, ma poche le certezze, si teme addirittura che tutto ciò sia un dispetto nei confronti dell’Assessore alla Cultura Pierpaola Sapienza, coinvolta in una “ guerra “ con alcuni esponenti del PDL, fra cui ricordiamo Giulia Masiello che a quanto pare non le abbia mai perdonato di aver tentato di fermare alcune sue iniziative culturali. Naturalmente, si tratta solo di supposizioni, di ipotesi, in realtà non scopriremo mai la verità.

La stessa Sapienza ha affermato che: “Tale Regolamento prevede un atteggiamento equo nei confronti di tutti ; la ricostruzione degli eventi effettuata da Massimiliano Mallardi risulta abbastanza fedele, probabilmente lo stesso Regolamento aveva difetti di forma perciò non è stato approvato”.

Massimiliano Mallardi durante l’incontro ha spiegato che dal Direttivo sono uscite informazioni errate, che non sarebbero dovute uscire, a questo punto una serie di domande sorgono spontanee : “ Chi è il vero responsabile della mancata approvazione di tale Regolamento? Oltretutto, “ Come mai l’equivoco non è stato chiarito sin dall’inizio? Se il Regolamento non poteva essere approvato perché nessuno ha messo le cose in chiaro sin da subito? “. “ Come mai il Sindaco di Medio non ha espresso alcuna opinione a riguardo, nonostante le lettere ricevute in passato dal Direttivo della Consulta? “.

Il Regolamento prevede dei contributi economici da parte del Comune, poiché, in base al titolo III, l’Amministrazione Comunale dovrebbe mettere a disposizione il palco, il service convenzionato e agevolazioni per il suolo pubblico e la copertura per l’energia elettrica la SIAE, ossia i diritti d’autore. Che sia questo il reale motivo della mancata delibera del Regolamento? Probabilmente, il Comune non può spendere molti soldi per l’organizzazione di eventi e manifestazioni culturali a causa di un debito pubblico non ancora sanato?

Da quanto affermato dallo stesso Assessore Sapienza, gli unici ad aver espresso un parere nei confronti del Regolamento sono stati: il Consigliere Filippo Panzarea e Francesco Antelmi, attuale Assessore al Bilancio.

Il Presidente ha affermato di non doversi giustificare con nessuno per quanto accaduto. Il Regolamento è stato protocollato svariate volte partendo dal 12 dicembre 2011, giorno in cui è stato effettuato il primo protocollo, e l’assessore Sapienza si è mostrata profondamente dispiaciuta per l’accaduto.

Entro il 15 febbraio 2013 dovrà essere approvato il Regolamento, altrimenti avverrà lo scioglimento della Consulta. La decisione è stata presa a maggioranza dei presenti (15 associazioni su circa 40 iscritte alla Consulta).

Potremmo definire tale Regolamento “un Regolamento fantasma “, realmente esistito e svariate volte protocollato, ma mai approvato dalla nostra Amministrazione.

Un conflitto d’interessi in cui tutti si comportano da vittime e apparentemente non esisterebbe alcun colpevole. Possiamo crederci? Come finirà?

Dovremo attendere il 15 febbraio per saperlo!

Commenti  

 
#1 Mmmmm 2013-01-22 21:45
Ciao ciao ciao ciao .....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI