Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Warning: getimagesize(images/stories/assessore_angela_contursi.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 189

Warning: filesize() [function.filesize]: stat failed for images/stories/assessore_angela_contursi.jpg in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 196

Progetto doposcuola: il Disciplinare del Comune

assessore angela contursi

Un progetto per il sostegno extrascolastico finalizzato al recupero di minori a rischio devianza. Si chiama "Insieme Doposcuola" ed è un progetto organizzato dall'Ufficio Servizi Sociali in favore di 20 alunni della Scuola Primaria e della Scuola Secondaria di Primo grado che frequentano l'Istituto Comprensivo “Perotti – Ruffo”, con problemi nel percorso scolastico.

"L'Amministrazione comunale - spiega l'assessore alla Pubblica Istruzione e ai Servizi sociali Angela Contursi (nella foto)- ha già interessato la Consulta comunale delle associazioni, al fine di individuare un'associazione, cooperativa sociale di tipo A o associazione di volontariato che abbia le capacità organizzative del Doposcuola. La nostra ricerca va oltre gli iscritti alla Consulta perché intendiamo avvalerci di operatori validi che gestiscano servizi socio – sanitari ed educativi finalizzati all'inserimento di persone svantaggiate. Il progetto sarà affidato mediante il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, determinata secondo i parametri riportati nel presente disciplinare".

Il progetto coinciderà con il secondo periodo scolastico e sarà avviato a gennaio 2013, per terminare a giugno 2013 con il termine dell'anno scolastico.

I concorrenti interessati a partecipare dovranno far pervenire al Comune di Cassano delle Murge (Ufficio Protocollo Piazza Moro n. 10 – 70020) entro e non oltre le ore 12,00 del 04 gennaio 2013 esclusivamente con raccomandata a mano con ricevuta di consegna, la propria proposta.

Di seguito, il disciplinare per la partecipazione.

 

 

 

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE

PROVINCIA DI BARI

SETTORE 2 SERVIZI

SERVIZI SOCIALI – SCOLASTICI – E.R.P. - L.S.U.

 

 

DISCIPLINARE

 

AFFIDAMENTO DEL PROGETTO

“INSIEME DOPOSCUOLA”

 

Art. 1     PREMESSA ED INFORMAZIONI GENERALI

Oggetto del presente disciplinare è l’affidamento del progetto organizzato dall'Ufficio Servizi Sociali denominato INSIEME DOPOSCUOLA” in favore di n. 20 (venti) alunni della Scuola Primaria e della Scuola Secondaria di Primo Grado frequentante l'Istituto Comprensivo “Perotti – Ruffo”, con problemi nel percorso scolastico.

Il progetto comprende   il sostegno extrascolastico, finalizzato al recupero di minori a rischio devianza, cosi come indicato nelle linee guida della delibera n. 136 del 15/11/2012.

Il progetto avrà durata coincidente con il secondo periodo scolastico ed esattamente sarà avviato in gennaio 2013 e cesserà in giugno 2013, con il termine dell'anno scolastico. Sarà espletato per 6 giorni settimanali, dal lunedì al sabato, per un minimo di n. 2 ore e un   massimo di n. 6 ore a settimana, da modulare secondo le esigenze dei singoli partecipanti il tutto per 21 settimane e sarà sospeso in tutte le giornate di sospensione e\o chiusura della scuola, sia in relazione al calendario scolastico, sia per altre situazioni impreviste.   Gli educatori previsti per i 20 studenti saranno 6 (sei) e svilupperanno un monte ore settimanali complessivo massimo di 36 ore per un totale massimo di 756 ore.

Il corrispettivo previsto per ogni ora di prestazione didattica erogata è pari ad €. 8,00 I.V.A. inclusa, al lordo dell’eventuale ribasso praticato, che andrà a beneficio dell'Ente, si da determinare un valore complessivo teorico di €. 6.048,00 (valore tempo complessivo da erogare per 21 settimane) da cui sarà sottratta la quota oraria di   €. 1,00   a carico delle famiglie fruitori del servizio che sarà versato direttamente dalle famiglie alla Cooperativa Sociale/Associazione di volontariato aggiudicataria.

Il progetto sarà affidato mediante criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, determinata secondo i parametri riportati nel presente disciplinare.

Art. 2 ) REQUISITI DI AMMISSIONE

I requisiti minimi richiesti ai concorrenti per essere ammessi a partecipare, sono i seguenti:

A) situazione giuridica:

  1. essere iscritto come Cooperativa Sociale di tipo “A” o Associazione di volontariato che gestisce servizi socio – sanitari ed educativi finalizzate all'inserimento di persone svantaggiate.
  2. non sussistenza dei motivi di esclusione di cui all'art. 38, D.Lgs. n. 163/2006.
  3. il rispetto di tutti gli adempimenti di legge nei confronti dei lavoratori dipendenti o soci della cooperativa/associazione.

 

B) situazione tecnica:

  1. che abbia già realizzato almeno un progetto oggetto del presente disciplinare o finalizzato all'inserimento di minori svantaggiati.
  2. soggetto proponente dovrà possedere o convenzionarsi   con idonea struttura in cui svolgere il presente progetto.

 

Art. 3) DISPOSIZIONI PER LA PRESENTAZIONE E FORMULAZIONE DELL’OFFERTA

I concorrenti interessati a partecipare   dovranno far pervenire al Comune di Cassano delle Murge – Ufficio Protocollo Piazza Moro n. 10 – 70020 – Cassano delle Murge (Ba) entro e non oltre, le ore 12,00 del giorno 04 gennaio 2013 esclusivamente con raccomandata a mano con ricevuta di consegna recante all’esterno l’indicazione del mittente e la seguente dicitura: “Offerta Progetto INSIEME DOPOSCUOLA”.

Il recapito del plico presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Cassano delle Murge – entro il termine sopraindicato, è ad esclusivo rischio del mittente ove, per qualsiasi motivo, lo stesso non dovesse giungere a destinazione in tempo utile. I plichi pervenuti oltre il termine stabilito o pervenuti non integri, ovvero con modalità difformi da quelle fissate, saranno esclusi. Non sono ammesse offerte per telegramma o fax, né quelle condizionate ovvero espresse in modo indeterminato o per conto di persona da nominare.

I plichi devono recare all’esterno – oltre all’intestazione del mittente e all’indirizzo dello stesso - la seguente dicitura: “OFFERTA Progetto INSIEME DOPOSCUOLA”.

Il suddetto plico dovrà contenere al suo interno tre buste:

BUSTA A) “DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA”

BUSTA B) “PROGETTO GESTIONALE DI DETTAGLIO”

BUSTA C) “CONDIZIONI ECONOMICHE”

Ciascuna di esse - a pena di esclusione – dovrà essere timbrata e controfimata sui lembi di chiusura. Ogni busta dovrà recare all’esterno, a pena di esclusione, l’indicazione del mittente e l’oggetto dell’appalto come sopra riportato.

BUSTA A) “DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA”

In tale busta, a pena di esclusione, occorre inserire:

A) Istanza di partecipazione e dichiarazione sostitutiva unica resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, contenente le dichiarazioni attestanti il possesso dei requisiti necessari per l’affidamento del servizio ed altre dichiarazioni essenziali ai fini dell’ammissione.

L’istanza di partecipazione e dichiarazione sostitutiva unica redatta in lingua italiana deve essere prodotta – a pena di esclusione – con i contenuti di cui al fac-simile allegato al presente disciplinare (Allegato A). L’istanza di partecipazione deve essere resa dal legale rappresentante della Cooperativa Sociale/Associazione di volontariato di cui all'art. 2 del presente disciplinare. L’istanza deve inoltre essere corredata, a pena di esclusione, da una copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del dichiarante in corso di validità.

B) Dichiarazione che abbia già realizzato almeno un progetto oggetto del presente disciplinare o finalizzato all'inserimento di minori svantaggiati.

C) Dichiarazione del possesso e/o convenzione di idonea struttura in cui svolgere il presente progetto.

BUSTA B) “PROGETTO GESTIONALE DI DETTAGLIO”

La busta recante la dicitura “Progetto gestionale di dettaglio”, dovrà contenere un elaborato che, nel rispetto delle condizioni minime indicate nel disciplinate, dovrà esplicitare:

A) le modalità di organizzazione ed impiego delle risorse umane, le misure idonee ad assicurare la qualità, continuità e regolarità nelle prestazioni.

B)   i servizi e le prestazioni aggiuntive e\o migliorative capaci di tradursi in un reale beneficio per l’Ente o per gli utenti.

C)  gratuità concesse all'Ente (n. 1 ogni 10 iscritti)

D) Titoli e/o curriculum recante l'esperienza degli operatori

BUSTA C) “CONDIZIONI ECONOMICHE”

La Cooperativa sociale o Associazione di volontariato concorrente dovrà presentare la propria offerta economica mediante indicazione, in cifre ed in lettere, con eventuale ribasso percentuale praticato sull’importo base di €. 8,00 I.V.A. inclusa, che andrà a beneficio dell'Ente, si da determinare un valore complessivo teorico di €. 6.048,00 (valore tempo complessivo da erogare per 21 settimane), di cui €. 1,00 ad ora a carico delle famiglie fruitrici del servizio che sarà versato direttamente dalle famiglie alla Cooperativa/Associazione aggiudicataria.

L'offerta contenente tutti i requisiti del progetto espletato per 6 giorni settimanali, dal lunedì al sabato, per un minimo di n. 2 ore e un   massimo di n. 6 ore a settimana, da modulare secondo le esigenze dei singoli partecipanti il tutto per 21 settimane e sarà sospeso in tutte le giornate di sospensione e\o chiusura della scuola, sia in relazione al calendario scolastico, sia per altre situazioni impreviste.

Gli educatori previsti per i 20 (venti) studenti saranno n. 6 (sei) e svilupperanno un monte ore settimanali complessivo massimo di 36 ore per un totale massimo di 756 ore.

Art. 4)   PROCEDIMENTO  

Le operazioni di gara avranno inizio il giorno 08 gennaio 2013, ORE 10,00, presso la sala giunta della sede comunale, e si svolgeranno come di seguito indicato.

La Commissione, presieduta dal responsabile del procedimento e da due componenti dallo stesso nominati, procede in seduta pubblica alla verifica dei plichi pervenuti ed alla loro regolarità ed integrità, disponendo l’esclusione per quelli per i quali ricorra una delle situazioni previste dal presente disciplinare.

La commissione provvede, altresì, all’eventuale ulteriore specificazione dei criteri di assegnazione dei punteggi, sempre nel rispetto delle disposizioni del presente disciplinare.

Indi si procederà alla apertura dei soli plichi regolarmente pervenuti, attestando la regolarità formale dei plichi e delle buste A) B) e C) in essi contenute.

La Commissione procede all’apertura della BUSTA A) – Documentazione Amministrativa - accertando l’esistenza e la regolarità dei documenti in essa contenuti, di cui ne dà lettura. In caso di mancata presentazione anche di un solo documento, ovvero in caso di irregolarità o carenze non sanabili, si procederà all’esclusione del concorrente.

Completate le operazioni di verifica, la commissione procede:

  • alla apertura della busta B al fine di rilevare la presenza del progetto gestionale di dettaglio che verrà siglato dai componenti e da almeno due testimoni;
  • a siglare, unitamente a due testimoni, la busta C, che verrà conservata integra .

Successivamente la commissione darà corso all’esame e valutazione del progetto gestionale di dettaglio (BUSTA B), attribuendo il punteggio come indicato all’Art. 5 ad ogni concorrente ammesso.

Indi si procederà all’apertura delle BUSTA C) – condizioni economiche - attribuendo ad ogni offerta il punteggio derivante dall’applicazione della formula di cui all’Art.5.

Nella medesima seduta,   si provvede alla sommatoria dei punteggi ottenuti per i diversi elementi di valutazione e viene formata la graduatoria di merito per l’aggiudicazione. Risulterà aggiudicatario   il concorrente che avrà ottenuto il maggior punteggio, fermo restando la verifica del possesso dei requisiti.

ART. 5) MODALITA’ DI AGGIUDICAZIONE

L’aggiudicazione sarà effettuata a favore da Cooperativa Sociale di tipo “A” o Associazione di volontariato che avrà presentato l’offerta economicamente più vantaggiosa e valutata congrua, tenuto conto della qualità del servizio offerto e del prezzo in base ai seguenti punteggi:

  • Progetto gestionale: punti 70
  • Condizioni economiche: punti 30

PROGETTO GESTIONALE: i 70 punti disponibili per tale parametro saranno assegnati dalla commissione aggiudicatrice, tenendo conto dei seguenti fattori:

1)   qualità del progetto (completezza, chiarezza, livello di dettaglio, coerenza, sostenibilità, funzionalità, efficacia ed economicità): massimo 15 punti 

2) qualità, professionalità delle risorse umane impiegate: massimo 20 punti

3) risorse strumentali struttura a disposizione del progetto: massimo 10 punti

4) servizi e prestazioni aggiuntive e\o migliorative: massimo 5 punti

5) sistemi di controllo e verifica sulla qualità/professionalità del servizio erogato: 5 punti

6) gratuità concesse all'Ente oltre le n. 2 previste: 15 punti

CONDIZIONI ECONOMICHE: i 30 punti disponibili per tale parametro saranno assegnati tenendo conto del prezzo offerto, scaturente dall'applicazione del ribasso percentuale unico sull’importo per singola ora posto a base di gara.

Il punteggio sarà assegnato mediante l’applicazione della seguente formula:

PO : PB = 40 : X

X (punteggio offerta in esame) = 30 x PB

                                                          PO

Dove:

PO = prezzo offerto

PB = prezzo più basso

I risultati si considerano con due decimali con arrotondamento. Al prezzo più basso sarà attribuito il punteggio massimo previsto (punti 30). Agli altri prezzi, punteggi proporzionali secondo la formula sopra indicata.

 

AVVERTENZE:

In caso di discordanza fra l’offerta economica-prezzo espressa in cifre ed in lettere, sarà ritenuta valida quella più vantaggiosa per l’amministrazione comunale.

Ai sensi dell’art. 69 R.D. 827/24 si procederà ad aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida, purché ritenuta congrua e vantaggiosa.

L’Amministrazione Comunale si riserva, prima di procedere all’aggiudicazione definitiva, di verificare la veridicità delle dichiarazioni prodotte.


Art. 6 ) RISERVATEZZA DELLE INFORMAZIONI

Per la presentazione dell’offerta, nonché l'affidamento del progetto, è richiesto ai concorrenti di fornire dati e informazioni anche sotto forma documentale che rientrano nell’ambito di applicazione del D.Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali).

Commenti  

 
#1 Carlo Neri 2012-12-27 14:50
Speriamo che le associazioni sappiano dimoastrare di saper fare qualcosa e non solo di polemizzare sterilmente.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI