Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Bonus farmaci e occhiali: richieste in Comune

municipio

Il Comune finanzia l'acquisto di farmaci e occhiali da vista per le famiglie bisognose e lo fa con la collaborazione del Distretto 2120 del Rotary International. La Giunta, infatti, ha approvato il bando di sostegno alle spese per i nuclei familiari che presenteranno il modello Isee e la certificazione prevista.

I bonus sono rivolti alle famiglie e ai soggetti che versano in particolari condizioni socio-economiche valutate al di sotto della soglia Isee fino a 10 mila euro, con figli minori a carico e che non hanno percepito o percepiranno per il 2012 alcun tipo di contributo (es. prima dote, contributi per l'affido). Tra gli altri requisiti, è necessario anche presentare la prescrizione del medico curante o dello specialista, oltre alla richiesta di contributo da inoltrare agli uffici del servizio sociale al primo piano del palazzo comunale. I moduli saranno disponibili dal 19 novembre. Potranno essere finanziate le spese di acquisto per prodotti farmaceutici o parafarmaceutici (es. colliri, spray, sedativi tosse, farmaci non mutuabili dichiarati indispensabili in via eccezionale....) oppure occhiali da vista.

Gli esercizi convenzionati sono la farmacia Palazzo-Castellaneta e l'Ottica Miale.

L'agevolazione prevista dal bando: erogazione di un bonus pari all'80% dell'importo per i costi sostenuti fino a 100 euro. Le somme saranno elargite fino ad esaurimento delle risorse.
 
“Per la seconda volta torniamo a finanziare questo tipo di acquisti per le famiglie meno abbienti”, commentano il sindaco Maria Pia Di Medio e l'assessore ai servizi sociali Angela Contursi in una nota diffusa dall'Uffio Stampa del Comune.

Le novità sono tante – aggiungono sindaco e assessore -. Abbiamo portato fino a 10 mila euro la soglia entro la quale è possibile richiedere il sostegno. Abbiamo introdotto anche il contributo per l'acquisto di occhiali da vista; alzato il bonus fino ad una quota dell'80% delle spese”.

“Con questo progetto – dicono ancora la Di Medio e la Contursi - pur nella ristrettezza delle risorse dei servizi sociali, cerchiamo di garantire un vero aiuto a quelle famiglie che hanno bisogno di curarsi e acquistare beni di stretta necessità come delle lenti da vista. Siamo davvero grati al Rotary per averci affiancato in questa idea e siamo soddisfatti della sinergia tra l'ente, il Rotary stesso e quei privati che hanno voluto essere convenzionati al progetto”.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI