Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Caponio accolto da amici e dal sindaco 2100 km. dopo

caponio con la mamma

Una calda giornata di sole, di un’estate che stenta ad abbandonarci, ha accompagnato gli ultimi passi di un lungo cammino iniziato ben ottantacinque giorni fa. Alessandro Caponio, istruttore di nordic walking, 2.100 km nei piedi e soprattutto nel cuore, ha raggiunto ieri Cassano delle Murge, dopo aver percorso l’ultimo tratto partendo in mattinata dalla basilica di san Nicola di Bari.

Il pellegrino cassanese ha attraversato la via Francigena, ripercorrendo quello che fu l’originario percorso fatto dal vescovo Sigerico, nel X secolo, partendo da Canterbury, toccando Francia e Svizzera, giungendo sino a Roma.

L’arrivo di Caponio è stato accolto da un piccolo ma caloroso gruppo di parenti e amici che lo hanno atteso trepidanti sulla rotonda di via Bitetto per poi raggiungere, rigorosamente a piedi, la sala comunale dove ad attendere il sorridente viandante c’erano anche il Sindaco e l’assessore Sapienza, le quali hanno consegnato un simbolico attestato di riconoscimento.

“Un cammino che ha una grande valenza culturale, oltre ad essere un gesto salutistico, dimostrando che l’uomo può mantenersi in salute semplicemente camminando”, ha affermato il Sindaco.

La bellezza e l’importanza del camminare si leggono sul volto e nelle parole di Caponio, «Cassano non mi è mai sembrata bella come oggi, e questo perché l’ho raggiunta a piedi».

Si, perché le strade sono storie, volti, parole che si possono apprezzare e conoscere solo andando piano, passo dopo passo, camminando.
Ciò che ha cercato e trovato Caponio, in questo lungo pellegrinaggio, è stato un cambiamento di rotta che l’ha portato alla riscoperta degli altri, a capire quanto è importante incrociare un sorriso per strada e accoglierlo come un dono. L’essenzialità, la scoperta, la semplicità e l’accoglienza, oltre che un’ immersione totale nella natura e nei luoghi attraversati hanno impreziosito l’affascinante avventura di Alessandro che ha condiviso con i presenti, attraverso le fotografie, le numerose tappe percorse.


Quanto un’esperienza simile possa arricchire e far crescere un uomo lo ha dimostrato, nonostante tutta la fatica, il suo sorriso.

 

caponio con sindaco

 

Foto di Raffaele Fiantanese

Commenti  

 
#2 Ant 2012-09-25 16:15
Certe esperienze è bello farle anche con la bicicletta, anni fa il mio medico per abbassarmi i trigliceridi mi suggerì di fare un pò di sport e scelsi la bici. Non potete immaginarein con quei 20 - 30 km fatti il sabato nei dintorni di Cassano, quanti posti a me sconosciuti ho potuto ammirare.Ora di più è necessario abbandonare l'auto per guardarsi il mondo più da vicino . Grazie Alessandro per questo messaggio.
 
 
#1 Vito Campanale 2012-09-25 13:57
Mamma e papà datevi da fare, che il ragazzo mi è dimagrito parecchio!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI