Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Prima Festa del dolcetto di mandorla: ecco com'è andata

foto2

Una degustazione guidata di vini e piatti a base di mandorla: fresca e originale l'idea che il “Caffè Garibaldi” e il ristorante cassanese “Grillaio del Passo” di Angelo Fatiguso in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier “Murgia” hanno organizzato domenica scorsa, in occasione della “Prima Festa del dolcetto di mandorla”

Il menù era composto da un antipasto di gamberi al lardo di Colonnata con fumetto di mandorla; fagottino di manzo farcito con mascarpone e mandolrla; trofie con speck, radicchio e mandorla; pezza dolce della tradizione cassanese. Il tutto annaffiato con i vini della cantina “Feudi di San Marzano” selezionati dagli esperti sommelier dell’AIS guidati dal delegato del distretto "Murgia" Vincenzo Carrasso e alla referente comunale per Cassano, Palma Zambetta (al centro, nella foto).

In piazza Moro, intanto, si è svolta la Festa con alcuni stand che vendevano - dietro rilascio di una ricevuta non fiscale che indicava un generico "contributo", il che ha fatto storcere il naso a qualche nostro lettore che giustamente non ha visto di buon occhio la cosa - dolcetti di mandorla fatti (probabilmente) in casa e prodotti da forno, questi ultimi presentati in maniera abbastanza "rudimentale" senza, cioè, alcuna protezione igienica dettata dalle minime norme di igiene.

Sul palco, oltre alla sempre brava Elisabetta "The Voice" Burdo che ha presentato la serata, anche la Presidente dell'Associazione "Orchidea della Murgia" che ha organizzato la manifestazione, sig.ra Posa e il sindaco Maria Pia Di Medio che ha fatto gli auguri per l'iniziativa.

Musica e balli hanno allietato i presenti, anche se purtroppo a causa della forte umidità, il palco era diventato per i ballerini una pista scivolosa e pericolosa tanto da menomare le esibizioni.

 

Nelle foto di Giuseppe Ferrante, alcuni momenti della serata.

 

Commenti  

 
#24 grumese 2012-09-10 15:22
la notte bianca a grumo non c'è più stata.
avete una scusa in meno.
 
 
#23 x cassaneseverace 2012-09-09 13:22
ma che razza di risposta è questa?
vabbe' tanto non era una risposta che cercavo ,facevo solo delle considerazioni rispetto a ciò che ho visto.
a proposito dei miei gusti cinematografici,le dico che il film citato è uno dei miei preferiti,
solo che il "DOMANI " di miss Rossella era speranzoso
il domani cassanese lo vedo NERO.
 
 
#22 cassaneseverace 2012-09-08 18:00
da quanto tempo non vai a cinema? chi ti dice che siamo in troppo a decidere? TU sei una persona che non tiene al suo paese, che fai giochi al rimbalzo!! forse sei fermo al film"via col vento". rivedilo ancora una volta.....e pensa; DOMANI E' UN'ALTRO GIORNO. rifletti
 
 
#21 antony50 2012-09-07 13:01
per cittadino, ci vedremo alla prossima festa patronale panini e salsiccia senza scontrini, sagra della focaccia senza scontrini e vaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
 
 
#20 antony50 2012-09-07 12:57
complimenti per l'articolo di +++MODERATO+++ tragedia greca di euripide +++MODERATO+++ andate a farvi una buona dose di coltura e pubblicate tutto l'articolo grazie.
per dovere di cronaca.
 
 
#19 jeanjacq 2012-09-07 11:45
E chi gliel'ha detto che io scontrino e fattura non li richieda ogni volta?
 
 
#18 antony50 2012-09-07 09:00
siete sempre i soli terroni criticoni senza spirito di iniziativa, quello che denoto nel vostro paese, avere un consigliere regionale che in 2 legislature non ha fatto niente per il suo paese, resterete i soliti lecc. dei politici di turno.complimenti per l'articolo +++MODERATO+++.
 
 
#17 xcassaneseverace 2012-09-07 07:27
organizzate insieme e poi vi lanciate "i fiori in faccia" reclamando la paternità della festa!
evidentemente siete troppi a voler decidere e tutti a voler prendersi i meriti...e ognuno con il proprio interesse ,politico,economico,personale e del paese sembra che vi interessi pochissimo ;
siete un libro aperto ,e allora partite già sconfitti,
è un film già visto!
 
 
#16 indignata 2012-09-06 16:02
a me è parsa una vera str....ta di serata.
 
 
#15 ming 2012-09-06 13:11
Ma invece di farvi belli denunciando presunte irregolarità sul web... ma perchè non impugnate i telefoni e chiamate i vigili? perchè non contestate subito lo scontrino? perchè non chiedete chiarimenti?
ma che discorsi sono?
se una venditrice ha evaso ne è complice anche l'acquirente che le tasse sulla vendita non le ha pagate. Ed allora?
 
 
#14 jeanjacq 2012-09-06 12:28
Ma quali multinazionali, quali miliardari colpevoli dell'evasione... Ovvio che anche loro non sono certo limpidi nella dichiarazione dei redditi, ma il grosso problema della evasione italiana sono i MICRO evasori: piccoli imprenditori di paese, alcuni bar... E smettiamo sempre di giustificarlo questo malcostume! Ben vengano queste denunce!
 
 
#13 hectorperez 2012-09-06 11:22
leggi,igiene,ricevute fiscali?????... ANDATE A ZAPPARE LA TERRA!!!
 
 
#12 hectorperez 2012-09-06 11:17
cassanese2 FATTI AVANTI!!! IO SONO IL PRESIDENTE DELLA SCUOLA DI BALLO "CENTO PASSI DI DANZA" CHE SI E' ESIBITA DOMENICA SERA.POSSIAMO PARLARE DI PERSONA QUANDO VUOI!
 
 
#11 al cittadino 2012-09-06 07:36
Non ho visto la sagra ma mi preme dire alcune cose:
1. In piazza c'era una associazione che ha promosso un prodotto tipico e sempre più difficile da trovare di fabbricazione artigianale. Un'associazione sebbene sia tenuta a rilasciare ricevuta fiscale in caso di vendita è pur vero che se pone il tutto sotto la forma del contributo associativo, essendo una sagra, non ci vedo nulla di male. La ricevuta fiscale implicava, da parte dell'associazione, anche l'acquisto dei beni prima della vendita al pubblico: ma essendo prodotti dalle socie (mi sembra di capire almeno in parte) la cosa non è possibile.
Aggiungo che tanta acredine non l'ho vista in occasioni di altre sagre e feste (e sapori) autunnali quando in decine di stands si somministra e vende senza rilascio nemmeno di un pezzo di carta...... Ma soprattutto verso le decine di ambulanti che stendono un lenzuolo per terra e vendono di tutto (spesso imitazioni e falsi).
2. Le norme igieniche sono restrittive sulla PREPARAZIONE. Per la somministrazione credo fosse tutto nella norma, fatto salvo l'utilizzo di guanti etc... Ma questi non li vedi manco nei negozi normali. Dunque come sopra tanta acredine perchè?
3. In merito all'evasione fiscale è vero che tanti centesimi evasi messi assieme creano una montagna di evasione ma il dramma italiano è che sono le grandi aziende e multinazionali ad operare evasione, ed elusione, fiscale...
 
 
#10 cittadino 2012-09-05 22:01
Mi fa piacere che, su mia segnalazione, la redazione di questa testata abbia verificato con i propri occhi che: "alcuni stand che vendevano - dietro rilascio di una ricevuta non fiscale che indicava un generico "contributo", il che ha fatto storcere il naso a qualche nostro lettore che giustamente non ha visto di buon occhio la cosa - dolcetti di mandorla fatti (probabilmente) in casa e prodotti da forno, questi ultimi presentati in maniera abbastanza "rudimentale" senza, cioè, alcuna protezione igienica dettata dalle minime norme di igiene."

Infatti, quelle pseudo-ricevute, buone per prendere in giro i più distratti e ignoranti, erano dei semplici "BUONI DI CONSEGNA".

Il che vuol dire che questi stand (io ne ho visto solo uno, in realtà, ma ammetto che non mi sono servito da tutti) quel giorno hanno venduto dolci di mandorle senza pagare un centesimo di tasse (EVASIONE FISCALE!!), oltretutto - come avete ben scritto - "senza alcuna protezione igienica dettata dalle minime norme di igiene."

Dov'erano i vigili urbani?
E la Guardia di Finanza??

Per "cassanoverace": con tutte le buone intenzioni di questo mondo, l'EVASIONE FISCALE NON È ACCETTABILE, soprattutto in un momento cui il peso del risanamento del Paese è, come al solito, sul groppone dei lavoratori dipendenti!!!

Sono i piagnoni (che poi fott..o) come lei che hanno portato questo paese allo sfascio: non coloro che denunciano le irregolarità e l'illegalità.

VERGOGNA!
 
 
#9 Curioso 2012-09-05 18:36
Elena campanale??????
 
 
#8 stefàno 2012-09-05 17:45
non erano scontrini ma semplice ricevute non fiscali. sulle confeziioni (quelle sigillate) era citata le provenienza?
 
 
#7 cassaneseverace 2012-09-05 16:28
questa e' cassano che non vuole crescere! trovare tutte le scuse per nascondere la gelosia! nessuno ha voluto abusare, c' era la volontà di valorizzare uno dei prodotti locali!!! per quanto riguarda l'igiene c' erano tutti i permessi, i dolcetti erano sigillati in contenitori per alimenti a norma, se qualcuno geloso non si e' avvicinato e non ha potuto leggere, ha fatto male, perchè vicino allo stand c' era la composizione scritta dei dolcetti!!!!!!! la cosa che fa' piu' male e' che qualcuno si prende i meriti e' non c' entra un cavolo' si e' intrufolato nel progetto della associazione orchidea della murgia pensando solo hai suoi interessi!!! parlo del grillaio del passo e' compagnia bella!!!cassano deve rinascere!! c'era il corteo storico ad acquaviva, c' era la notte bianca a grumo, un cantante famoso ad altamura eravamo circondati da tanti avvenimenti pero' anche se era la prima volta del dolcetto PROTAGONISTA se' le' cavato bene l'unico scopo era far conoscere a tutti il dolcetto artigianale. se a qualcuno che ha messo il bastone fra le ruote di questa manifestazione dall' inizio non e' andata giu' si arrangi!!!!non c'e bisogno di calugnare chi ama CASSANO DELLE MURGE. (E'UN CONSIGLIO!!!! SI FACCIA DA PARTE)
 
 
#6 Nino 2012-09-05 16:12
Studiate le leggi sulla sicurezza in materia di alimenti e poi scrivete!
 
 
#5 RUBY 2012-09-05 15:15
Guardati le foto n. 8 e 9 (ad esempio): quelle focacce e quel pane non devono essere così esposte al pubblico ma devono essere protette.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI