Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Warning: getimagesize(images/stories/tonino_giordano_20_06_2012.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 189

Warning: filesize() [function.filesize]: stat failed for images/stories/tonino_giordano_20_06_2012.jpg in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 196

Centro Storico: una associazione vuole risollevarlo

associazione centro storico

Mettere competenze e tanta passione a servizio del proprio paese, di un luogo della memoria, per la trasmissione – alle prossime generazioni – della civiltà cassanese.

E’ il fine principale dell’Associazione “Centro Storico di Cassano delle Murge – onlus” che ieri sera si è presentata alla cittadinanza e alle autorità civiche in un affollato incontro presso la Biblioteca Civica.

L’ex Arciprete don Carlo Colasuonno ha benedetto i presenti e sul filo della nostalgia “per essere lontano da un paese che tanto amo” ha dato il via alla presentazione da parte della Segretaria, Rossana Angiulo che ha sottolineato come l’associazione vuole “migliorare la qualità della vita laddove tutto è cominciato”, presso, appunto, il centro storico cassanese; una idea che nasce dall’impegno di più persone e che vuole coinvolgere altri cittadini e associazioni ma soprattutto collaborare con le Istituzioni affinchè, ognuno per le proprie competenze, apporti quel miglioramento sempre più necessario. “Siamo una associazione apartitica – ha spiegato la Segretaria – ma non antipolitica, anzi vogliamo che la politica faccia fino in fondo il proprio mestiere”.

Collaborazione come parola d’ordine, dunque: l’ha ripetuta più volte il Presidente Oreste Iavazzo, giovane architetto originario di Napoli ma da molti anni residente a Cassano e da poco abitante del centro storico cassanese. “Vogliamo che ognuno collabori: cittadini, associazioni, istituzioni poiché – ha detto Iavazzo presentando gli scopi dell’associazione – solo con l’aiuto di tutti i cassanesi si comincerà a riportare lo stupendo centro storico all’antico splendore”.

Tra le prime iniziative, il drappeggiare – nella serata del 3 agosto – i balconi del percorso che l’immagine della Madonna degli Angeli compirà proprio tra le antiche strade cassanesi, prima di raggiungere la parrocchia di Santa Maria delle Grazie assieme ad una sorta di “concorso balcone fiorito”.

Le emergenze, comunque, sono tante: manca, ad esempio, un censimento delle tante abitazioni abbandonate che costellano la parte antica del paese. Quante sono? A chi appartengono? Perché i proprietari non se ne interessano? Nessuno lo sa e parliamo di un patrimonio abitativo del 20-30% di tutte le case del centro storico.

Occorre un censimento di questo patrimonio – ha detto il sindaco Maria Pia Di Medio intervenendo alla presentazione – e il Comune non è in grado di farlo per mancanza di mezzi, persone e risorse”. Se questo “degrado” venisse “mappato”, secondo il sindaco “si potrebbe procedere a progettare azioni di recupero e valorizzazione anche con enti sovracomunali come la Regione”.

sindaco associazione

Molto, poi, si è discusso del caos parcheggi, della raccolta rifiuti, delle ristrutturazioni che non rispettano né il buon gusto né i Regolamenti edilizi comunali, delle condotte idriche su via Chimienti: tutte situazioni che hanno fatto dire al sindaco: “Il centro storico è diventato un problema su cui abbiamo idee chiare ma pochissime risorse; ben vengano, dunque, associazioni come questa che risvegliano l’interesse del cittadino e lo rendono partecipe delle scelte”.

Tra i relatori anche Giuseppe Milano, giovane barese che da anni è impegnato nelle campagne nazionali sulla riduzione dello spreco del suolo, dell'edilizia selvaggia, della "convenienza" a costruire piuttosto che a conservare per le future generazioni porzioni di terra e ristritturare l'esistente. Milano ha sottolineato la sempre più importante necessità di non vedere l'edilizia come unica fonte di guadagno per un territorio come spesso accade.

La parte più “storica” della serata è stata affidata alla lettura, da parte di uno dei soci della compagine, Franco Lopane, di un brano del libro “Cassano delle Murge, ieri e oggi” dello storico cassanese Tonino Giorgio e di un accorato intervento dello studioso e saggista Tonino Giordano che ha tratteggiato l’importanza del tramandare alle future generazioni quel che i nostri avi ci hanno trasmesso ma soprattutto nel farlo con consapevolezza, amore, tenacia. Giordano si è giustamente scagliato contro le scelleratezze compiute nei decenni scorsi: dall’abbattimento del Complesso di Santa Chiara (il logo dell’associazione lo ricorda, stilizzato) a quello intitolato “Conte di Torino” per non parlare delle mura medievali e della Torre Aragonese.

tonino giordano 20 06 2012

Veri e propri furti alle memoria storica della civiltà cassanese su cui Giordano ha scritto, nei suoi molti libri, pagine memorabili che sono risuonate, a futura memoria, nella sala conferenze.

Fra i numerosi interventi, quello del capogruppo di “Nuova Ideadomani”, Teodoro Santorsola che si è complimentato per il coraggio con il quale l’associazione ha affrontato questo immane compito di rivitalizzare il centro storico cassanese, ricordando alcune vicende quali la presenza, spesso non tenuta nella giusta considerazione, dei Regolamenti che danno incentivi ed esenzioni a coloro che aprono una attività nel centro storico e che spesso restano del tutto sconosciute e trascurate così come gli altri 85mila euro che ancora giacciono nelle casse del Comune per la ristrutturazione delle facciate delle case del centro storico, soldi mai spesi perché i progetti dei privati sono stati presentati, finanziati ma mai realizzati.

 logo associazione centro storico

Commenti  

 
#5 XX 2012-06-22 08:30
Non credo più a niente....è stato, è , e sarà per sempre un covo di cacche, carte, delinquenti.....
 
 
#4 cittadino 2012-06-21 22:59
per la redazione: perché non avete citato uno dei relatori, Giuseppe Milano?
 
 
#3 Michele Bisaccia 2012-06-21 10:44
Belli e bravi!
 
 
#2 Rino S. 2012-06-21 10:00
Complimenti per l'iniziativa
 
 
#1 hello 2012-06-21 07:21
ma i soldi chi ce li darà??
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI