Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Escursionismo: Mercadante by night

mercadante

Serata speciale quella di ieri, in occasione dell’escursione notturna nel nostro splendido territorio murgiano. Partiti verso le ore 20.00, illuminati dagli ultimi raggi di sole al tramonto, dopo aver attraversato la zona ai margini di cda Femmina Morta siamo giunti all’incrocio del sentiero con il tracciato dell’Ippovia dei Trulli e delle Murge, luogo più alto e panoramico (q.ta 505 mt.) nei pressi della Torre TLC di Stato e del bosco di Chinunno.

Il panorama promesso è apparso subito in tutta la sua bellezza e gli escursionisti hanno potuto apprezzare la vista su Altamura (a sud-ovest), sulla zona di Casal Sabini (a sud) e sulla collina di Murgia Sgolgore (a sud-est), tutte illuminate dall’ultimo ed ormai tenue chiarore del tramonto.

L’attraversamento del folto bosco di Chinunno Piccolo, ormai immerso nel buio ha fornito i primi brividi di avventura nella notte, apprezzati dai partecipanti che hanno accettato (di buon grado) di spegnere le torce per poter meglio cogliere l’atmosfera wilderness del luogo, culminata con il transito nei pressi dei ponti sospesi del neonato Parco Avventura.

Usciti dal folto, le fonti luminose dell’antica Mass. Chinunno (attuale azienda agrituristica) hanno “aggredito” gli occhi ormai assuefatti alle tenebre, ma allo stesso tempo hanno consentito di apprezzare la vista di questa splendida e calda struttura in pietra che impreziosisce tutta la vallata omonima, incorniciata dal bosco.

Distanti da queste fonti luminose abbiamo potuto finalmente rivolgere il nostro sguardo alla volta celeste, apparsa subito nitida e disseminata di infinite e luminose stelle.

L’assenza della luna (fine ciclo calante) ha permesso anche di divertirsi nell’osservazione della Stella Polare, attraverso l’agevole individuazione delle costellazioni dell’Orsa Maggiore e di Cassiopea.

Divenuti ormai tutti “esperti di orienteering”, gli escursionisti hanno fatto a gara per indicare “la padella” con cui è stata scherzosamente chiamata l’Orsa Maggiore (per la sua caratteristica forma).

Completato l’ultimo impervio tratto nel bosco, abbiamo potuto apprezzare la vista sotto le stelle della splendida Mass. S.Antonio per ritornare quindi al punto di partenza per un meritato spuntino finale, fatto a base di prodotti locali (ben conditi dall’atmosfera insolita della visione del cielo stellato) ed un bel vassoio di gelsi maturi, particolarmente apprezzati da tutti.

Passata la mezzanotte, gli escursionisti sono passati ai saluti esprimendo la volontà di ripetere quanto prima la felice esperienza.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI