Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Appalto Rifiuti, rinviata la prima riunione della Commissione

municipio

 

E' stata rinviata la prima riunione della Commissione, che dovrà aggiudicare il nuovo appalto per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti sul territorio di Cassano, a causa della indisponibilità di uno dei membri individuati dagli Uffici Comunali.

Stando al Disciplinare di Gara, infatti, il 3 maggio alle ore 16.00 in seduta pubblica era prevista la prima fase dell'aggiudicazione ovvero l'apertura dlele buste con la documentazione amministrativa che le ditte concorrenti (due: l'ATI "Tradeco-Murgia Servizi Ecologici" e la cooperativa "Avvenire") hanno presentato.

Ma uno dei membri della Commissione - ancora non ufficialmente costituita, stando a quanto comunicato dal Comune - ha dovuto chiedere il rinvio della seduta che si terrà, con tutta probabilità, la prossima settimana.

Le sedute successive della Commissione Giudicatrice saranno invece riservate: la Commissione dovrà verificare innanzitutto l’offerta tecnica e le eventuali migliorie che chi ha chiesto di partecipare alla gara intende apportare al Progetto della Esper.

Dati i punteggi, solo le ditte che avranno ottenuto minimo 48 punti su 70 accederanno alla fase finale ovvero l’apertura della busta C cioè l’offerta economica e il conseguente ribasso sulla base degli 11 milioni di euro per sette anni. La Commissione ha 30 punti a disposizione da assegnare alle offerte.

A quel punto il quadro sarà completo: l’appalto se l’aggiudicherà l’offerta economicamente più vantaggiosa ovvero chi avrà offerto il ribasso maggiore ma sulla base del Progetto, anzi migliorandolo.

Ci sarà quindi l’affidamento temporaneo prima di quello definitivo: poco più di una settimana, cioè, per dare modo alla ditta di produrre ulteriore documentazione che sarà richiesta dal Comune e che in prima istanza la ditta stessa ha dichiarato ai possedere.

Se tutte le formalità dovessero andare per il meglio, Comune e Ditta avranno 35 giorni di tempo per stipulare il contratto dinanzi ad un notaio. Solo da quel momento scatteranno i 7 anni della durata del contratto. Quindi, entro tre mesi, la nuova aggiudicataria dovrà implementare il nuovo sistema che entro sei mesi, stando al Progetto, dovrà andare a regime.

Ovviamente in questo lungo lasso di tempo, funzionerà il sistema attuale di raccolta.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI