Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

Funghi, la Regione modifica le regole per la raccolta

fungo cardoncello

 

E’ stato approvato questa mattina nella seduta della quarta commissione consiliare, il testo coordinato, contenente le modifiche alla legge regionale del 2003 sulla “Disciplina della raccolta e commercializzazione dei funghi epigei freschi e conservati  nel territorio regionale”. Il testo recepisce le proposte di modifica presentate dai gruppi Sinistra ecologia libertà e la Puglia per Vendola e quelle apportate dai consiglieri Pentassuglia e Iurlaro del gruppo del Partito Democratico.


Gli emendamenti introducono l’obbligo di possesso di un tesserino nominativo regionale per la raccolta dei funghi spontanei rilasciato a seguito di corsi di formazione abilitanti. Gli stessi corsi saranno organizzati dagli enti locali o da associazioni micologiche con la supervisione della ASL competente del rispettivo territorio. Il tesserino dovrà essere rinnovato ogni tre anni. È stato oltresì previsto il rilascio di un permesso turistico a pagamento, di durata massima di quindici giorni con limiti quantitativi, per raccoglitori occasionali non residenti, rilasciato dai singoli comuni della Regione.

Le modifiche apportate -dichiara il consigliere regionale Ventricelli, primo firmatario degli emendamenti proposti da SeL e PpV- consentirà alle associazioni micologiche di organizzare i corsi abilitanti al rilascio del tesserino in modo da poter più facilmente monitorare e qualificare l’attività di raccolta di funghi. Questo è importante soprattutto per quelle zone del territorio pugliese la cui rilevanza ambientale deve essere necessariamente tutelata, si pensi alla Murgia, il Gargano e la Valle d’Itria.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI