Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Corso di Web Tv a Cassano: iscrizioni fino all'11 febbraio

web tv

 

Dopo il corso per tecnico del video e del suono, la sede cassanese delle Officine Culturali presenta il corso di animazione grafica e multimediaFacciamo Web Tv”. Da lunedì 23 gennaio, fino all'11 febbraio, tutti gli interessati, esperti di linguaggi multimediali e no, appassionati di animazione 2D e 3D, potranno iscriversi al corso presentando la loro candidatura.

Il corso, della durata di 30 ore, permetterà di formare una equipe di esperti in grado di gestire una piattaforma Web Tv. Saranno offerte tutte le conoscenze teoriche e pratiche relative alla produzione di contenuti multimediali, in particolar modo le applicazioni audiovisive per il web. Si approfondiranno i programmi di grafica per l'animazione, i filmati, l'animazione bidimensionale e tridimensionale. Tutti gli elaborati saranno pubblicati sui principali canali e social network on line e serviranno per creare la piattaforma per la Web Tv delle Officine Culturali.

Il corso è aperto sia agli esperti sia a chi non ha maturato esperienze nel settore. Le lezioni, per un totale di 10 incontri da 3 ore ciascuno, si terranno una volta la settimana, nel laboratorio urbano di Cassano delle Murge, in via Vincenzo Ruffo, nella zona del Palazzo Municipale. Due i docenti del corso: Diego Marra e Roberto Cillo, entrambi con decennale esperienza nella produzione audiovideo professionale.

Il corso costa 200 euro.

Per iscriversi, occorre recarsi personalmente, tutti i lunedì e mercoledì dalle 17.00 alle 19.00 presso le Officine Culturali di Cassano, oppure compilare la scheda in allegato e inviarla via fax al numero 080/634036. In questo caso, il costo del corso dovrà essere saldato di persona entro l'11 febbraio. Per tutte le info sul corso, i dettagli del programma e il curriculum dei docenti www.officineculturali.it, tel. 338.62.47.222 oppure per email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Commenti  

 
#5 preside 2012-01-26 10:39
E poi facciamo due conti elementari: 15 persone x 200 € ANTICIPATI SULL'UNGHIA fanno 3000 € x 30 ore di lezione (10 incontri di 3 ore)... dato che questi corsi non devono sostenere nè costi di affitto e nè spese per attrezzature, questo denaro viene devoluto interamente ai "docenti"? Ovviamente questa non vuole essere una critica ai professionisti coinvolti (sicuramente di alto profilo) bensì all'organizzazione del tutto da parte delle officine culturali e del Comune!
 
 
#4 preside 2012-01-26 10:25
Ma anche questi corsi sono finanziati con soldi pubblici!Infatti si tengono in strutture pubbliche e sfruttano attrezzature pagate da noi cittadini... che abbiamo già sganciato un bel po' di soldini a queste persone per organizzare due corsi all'anno e a pagamento, per giunta! Inoltre i corsi organizzati dalla regione e dalla provincia sono riconosciuti e rilasciano attestati che fanno curriculum!
 
 
#3 studentessa 2012-01-23 12:37
concordo con "docente"...
non c'è nulla di più naturale. la nostra economia prevede che la moneta di scambio per ricompensare erogazione di lavoro umano debbano essere i soldi!
 
 
#2 docente 2012-01-22 16:27
Bisogna vedere chi è che organizza in quei paesi e chi finanzia la formazione. Formarsi costa (e ve lo dice chi ancora oggi, a 40 anni, continua a formarsi e studiare) e chi insegna in questi corsi è un professionista che per il lavoro che fa va pagato, non vedo perchè non debba esserlo. Diverso è il discorso se a finanziare la formazione sono le Istituzioni regionali o provinciali, lì i corsi sono gratuiti, ma i docenti sono pagati comunque da quelle istituzioni. Nei corsi privati invece no, le spese sono a carico degli interessati. Mi sembra più che normale!
 
 
#1 kioto 2012-01-21 18:14
Ma tutto a pagamento andateci voi!!!!! chissà comeè che negli altri comuni vengono organizzati corsi professionali, musicali eccetera senza che chi partecipa debba pagare.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI