Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

PER LE ASSOCIAZIONI CASSANESI È TEMPO DI NATALE

consulta associazioni sportive

Anche se pare prematuro parlare di Natale, per chi è dietro le quinte delle iniziative pensate per rendere Cassano festoso ed accogliente in vista di uno dei momenti più importanti e significativi dell’anno, è ormai tempo di incontri per confrontarsi, discutere e proporre. È proprio quest’ultimo uno dei termini che più volte ha riecheggiato nella sala conferenze della biblioteca comunale nel pomeriggio di giovedì 27 ottobre, in occasione dell’incontro tenuto dalla consulta delle associazioni locali, capitanate Massimiliano Mallardi e Alberto Montedoro, rispettivamente presidente e segretario della stessa (al centro, in una foto d'archivio).

Una decina le associazioni presenti.

 

Dopo diversi accenni alle prossime modifiche del regolamento, punto per eccellenza all’ordine del giorno il tanto discusso cartellone del dicembre cassanese, in particolare la proposta di realizzarlo in maniera univoca per tutte le associazioni interessate, per rendere secondo il segretario, meglio l’idea agli occhi dei cittadini di un lavoro basato su “trasparenza e lavoro collettivo, facendo possibilmente leva non sulle risorse finanziarie del comune, ma sugli sponsor”. Per questo è importante secondo il presidente che “tutte le associazioni siano iscritte alla consulta”.

Alla proposta del cartellone è stata agganciata subito quella della raccolta di beneficenza per le famiglie povere proveniente dall’assessore alla cultura Pierpaola Sapienza, la quale ha colto l’occasione per coinvolgere anche l’assessore alle politiche sociali Angela Contursi, vista l’iniziativa particolarmente mirata a quella parte di popolazione locale che solitamente già si ritrova in condizioni economiche piuttosto disagiate. Un’idea certamente positiva, ma “da valutare attentamente” a detta della prof.ssa Simone del Lions club, nel senso che sarà necessario individuare il reale bisogno del singolo nucleo familiare, nonché dei precisi criteri per poter elargire gli aiuti, senza rischio di fraintendimenti da parte dei cittadini interessati e non. A tal proposito è intervenuto l’assessore Contursi accennando all’idea di distribuire libri scolastici come punto di partenza per un nuovo progetto, ma soprattutto per un rapporto d’intesa e collaborazione tra assessorato e associazioni. Ma pare che il binomio cartellone-beneficenza non abbia convinto molto i presenti, e dunque sarà ancora da vedere l’esito di tale questione.

Nel frattempo Natale è anche tempo di cinema: a parlare è Giancarlo Visitilli delle Officine culturali, il quale ha proposto una rassegna cinematografica che avvicini i giovani al cinema e contribuisca a rendere più caldo il clima di queste festività ormai alle porte. Inoltre, Giuseppe Caiati per il gruppo C.a.p è intervenuto lanciando l’idea di un nuovo presepe vivente, per il quale sarebbe indispensabile la partecipazione numerosa delle altre associazioni, con l’intento di contribuire alla valorizzazione del centro storico del paese.

Al termine dell’incontro la questione è stata temporaneamente conclusa con la definizione del 10 novembre come data entro cui le associazioni interessate dovranno presentare attraverso le diverse proposte la propria adesione al quello che è stato chiamato “inverno cassanese”.

Commenti  

 
#10 seeee 2011-11-02 10:20
Per cobra 87: Lei ha perfettamente ragione, non ho mai detto che il suo ragionamento non andava bene..ma mi creda mi sono scocciato...ahimè la mia attività non è molto frequentata nei periodi natalizi per la specificità dei miei articoli, ma non per questo mi sono rifiutato di dare contributi, anzi quest'anno ho fatto lo sponsor a due associazioni!!!!
 
 
#9 il cobra87 2011-10-31 20:14
Signor see avrà anche le sue buone ragioni per non contribuire piu pertanto cerchi di essere esplicito magari tirando in causa fatti e persone che l'hanno spinta a non contribuire piu.
Purtroppo senza dei sostentamenti queste feste paesane non sono sostenibili e cosi facendo quei pochi momenti di aggregazione si vanno perdendo. Alla fine magari non è il caso suo ma ci sono commercianti i quali durante la festa patronale si sono fatti le garze piene e quando gli è stato chiesto un contributo da chi organizzava la festa si sono sotratti ***MODERATO*** perciò secondo me il sindaco farebbe bene a mettere una piccola tassa anche 2 E all'anno su tutti i cittadini e qualcosa in piu per i commercianti per sostenere queste manifestazioni
 
 
#8 seeee 2011-10-31 09:27
Per il cobra87: Ogni anno ho contribuito..ora basta!
 
 
#7 Cassanese doc 2011-10-30 23:57
Ottima l'idea di valorizzare il centro storico, con iniziative come il presepe vivente (o altre realizzabili)...è un periodo in cui il centro storico ha bisogno di essere vissuto per limitare il suo degrado.
 
 
#6 il cobra87 2011-10-30 19:23
Va be se chi organizza delle feste ha bisogno di soldi per mantenere in vita la festa perciò un piccolo contributo non fa male signor seeee non sia tirchio.
I cassanesi poi dovrebbero però quando c'è da spendere rivolgersi alle attività del nostro paese.
Bravo Caiati il quale vuol investire nel presepe vivente a Cassano cosa bella e che valorizzerebbe il territorio sosteniamo questa iniziativa per far vivere il nostro paese
 
 
#5 cazzaniga 2011-10-30 19:22
come il loro leader...........uguale e spiccikato!!!!!!!!!!!
 
 
#4 lillolillo 2011-10-30 18:31
l'assessore alla cultura (matooo!!) che fa proposte di raccolte di beneficenza per famiglie povere - e qui viene il bello - "coinvolgendo in ciò l'assessore alle politiche sociali". Questa qui non risponde alle commissioni consiliari, si relazione con i propri referenti nel comitato della pro-loco, ignora qualsiasi norma di diritto pubblico ... e poi fa tutto lei! Solo a Cassano succedono queste cose, solo a Cassano. Ma un po' di misura non farebbe bene? Non esistono paragoni nemmeno con quanto succede a livello di governo nazionale (ed è tutto dire): c'è stato un crollo a Pompei ed il Ministro ai beni culturali (Sandro Bondi) è stato sfiduciato e si è dimesso; qui da noi c'è il crollo di via Sanges e questa qui se ne sta tranquilla e rilancia con la "beneficenza per le famiglie povere" che è una cosa che va bene sempre e a tutte le ore. Solo a Cassano!! Ve l'immaginate Bondi che invece di dimettersi rilancia con una pesca di beneficenza per gli orfanelli?
 
 
#3 stucco 2011-10-29 15:49
sugli sponsor!!! e poi il cassanese va fuori ad acquistare...ahahahhahahahah
 
 
#2 WOWO 2011-10-29 15:17
IO MI CHIEDO PERCHE DOBBIAMO FARE SEMPRE NOI BENEFICENZA
PER QUESTO Natale fatela voi e nn duteci nulla ma basta che la fate
 
 
#1 seeee 2011-10-29 11:15
Arriva il Natale e per noi commercianti arrivano le rotture. Ogni giorno entrano i vari babbi natale che con quelle trombette ti stordiscono..e vai a dargli come minimo 5 euro, addobbare le strade a festa? e vai come minimo con 100 euro, per non parlare dei vari personaggi che ti chiedono un qualcosa di soldi...qui non si finisce mai...e ora la festa della Madonna, e ora sono i SS Medici, ed ora la Madonna del Rosario, ed ora la Madonna Addolorata, e San Rocco e e e non mi ricordo più! E poi? Proprio questi che vengono a chiederti contributi vanno fuori a fare spese!!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI