Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

SCIOPERO GENERALE: LA CGIL CASSANESE SI ORGANIZZA

nessun dorma

 

 

Continua a marciare la macchina organizzativa della Cgil cassanese in vista dello sciopero generale in programma venerdì 28 ottobre a Roma.

Alla volta della Capitale, infatti, partirà un auotobus da Cassano (la partenza è prevista per la mezzanotte di domani) che giungerà in mattinata per dar modo ai partecipanti di aderire al grande corteo che si snoderà lungo le strade romane.

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi presso la sede della CGIL, in via dei Mille 9, al responsabile dello SPI-Cgil cassanese, signor Giovanni Carella, dalle 17.00 alle 19.30.

Quali sono le ragioni dello sciopero?

“Le ragioni che ci portano di nuovo in piazza – affermano dalla segreteria Spi/Cgil nazionale – sono tante. Le manovre economiche di questi mesi avranno pesanti ripercussioni sulla vita quotidiana delle persone, in particolare sulla fasce sociali più deboli”.

I tagli agli enti locali mettono a rischio i servizi di welfare erogati dai Comuni, c’è un attacco alla politica socio-assistenziale e al diritto alla salute dei cittadini.

Tra il 2008 e il 2011 le risorse trasferite agli enti locali sono diminuite dell’86% passando da 939 milioni di euro a 218 milioni. Sono state ridotte le risorse anche per il fondo alle famiglie (-7,13%), quelle per le politiche giovanili (-65%), azzerati i finanziamenti per la casa e quelli del fondo per la non autosufficienza.

Ci sono inoltre proposte di ridimensionamento dei requisiti per le pensioni di invalidità, il superamento dell’indennità di accompagnamento e sono stati introdotti i nuovi ticket sanitari.

“Sono manovre dannose, inique e depressive nel solco di quelle precedenti – affermano i sindacalisti dello Spi  – con i tagli allo stato sociale si mette a rischio la coesione sociale. Gli interventi del Governo prefigurano un lungo periodo di sacrifici che però coinvolgono pesantemente solo le lavoratrici e i lavoratori dipendenti, le pensionate e i pensionati, ampliando le disuguaglianze sociali e determinando l’impoverimento di una vasta area di cittadini”.

Con le ultime manovre del Governo, ancora una volta non si intraprende una concreta azione di contrasto all’evasione fiscale, né si interviene sulle rendite finanziarie e le grandi ricchezze.

Invece di introdurre una patrimoniale, il Governo ha preferito introdurre il contributo di solidarietà del 5% per i soli dipendenti pubblici e per i pensionati con redditi oltre 90.000 euro, mentre tale contributo si riduce al 3%, deducibile fiscalmente, per i redditi superiori ai 300.000 euro.

Sull’età pensionabile delle donne l’ultima manovra ha determinato un innalzamento clamoroso, tanto che in base all’aspettativa di vita e all’innalzamento dell’età anagrafica la decorrenza della pensione per le donne del pubblico e per gli uomini di tutti i settori sarà a 67 anni e 3 mesi già nel 2022, con largo anticipo ad esempio sulla Germania dove i 67 anni sono previsti nel 2029.

Il vero problema è l’adeguamento del reddito da pensione tra uomini e donne, visto che queste ultime percepiscono in media la metà degli uomini.

Lo Spi propone a tal fine che tutti i periodi di assenza dal lavoro per lavoro di cura siano coperti da contribuzione figurativa a carico della fiscalità generale, riconoscendo il valore sociale del lavoro di cura rivolto a bambini, anziani, disabili.

Preoccupazioni dello Spi anche per i nuovi provvedimenti allo studio del Governo per raggiungere il pareggio di bilancio sollecitato dalla UE: si vuole infatti intervenire ulteriormente sulle pensioni e nello specifico anticipare per tutti l’andata in pensione di vecchiaia a 67 anni, mentre sulle pensioni di anzianità si vuole andare al superamento progressivo sia dei 35 anni che dei 40 anni di contributi, legandoli a un’età anagrafica che penalizza inevitabilmente i lavoratori precoci.

Commenti  

 
#3 Tom 2011-10-27 21:02
Io sono indignato (cioè no ...deluso è meglio..) sia per la politica dei nostri governanti, cui la maggioranza degli italiani li ha votati ( ammesso che siano la metà più uno degli italiani ma non è così ) che per il dolce dormire dei sindacati dei pensionati, che lasciano fare e poi a cose fatte chiamano a raccolta tutti gli iscritti che comunque ,avendo una trattenuta fissa mensile sulla pensione, gli garantiscono una vita tranquilla. Il risultato che il potere d'acquisto delle pensione si riduce ogni anno sempre di più e fra non molto ,visto la nuova invenzione dell'aspettativa di vita, si andrà in pensione a 100 anni tondi tondi. Poveri noi in mano a chi siamo andati a finire.Tom
 
 
#2 FALSA POLITICA 2011-10-27 16:32
PER CARLO PANEBIANCO: Grazie all'atteggiamento belante e connivente di gente come te, i nostri bravi governanti, lobbi di potere e classe dirigente continuano ad arricchirsi con ogni forma di corruzione ed evasione fiscale assicurando benessere a se stessi ed ai propri congiunti, rendendo la vita difficile alla stragrande maggioranza delle persone, comprese le generazioni future.
 
 
#1 CARLO PANEBIANCO 2011-10-26 18:30
Bisogna ringraziare i sindacati confederali perchè con i loro scioperi fanno girare l'economia ( ma forse anche qualcos'altro):
1) Il governo risparmia trattenendo la giornata agli statali che scioperano
2) il benzinaio guadagna sul rifornimento dei pullman che portano gli scioperanti a Roma
3) le autostrade guadagnano il pedaggio autostradale del pullman suddetto
4) l'autogrill, i bar, e ristoranti guadagnano sulle consumazioni degli scioperanti che vanno a Roma.
Veramente complimenti!!!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI