Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

Warning: getimagesize(images/stories/rifiuti.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 189

Warning: filesize() [function.filesize]: stat failed for images/stories/rifiuti.jpg in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 196

RIFIUTI: APPROVATA LA SPESA PER IL 2011

rifiuti

Approvato il nuovo canone comunale per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani per l’anno 2011. Il Comune spenderà 1.442.376 euro ovvero poco più di 120mila euro al mese che saranno corrisposte all’Associazione Temporanea d’Impresa “Tradeco-Murgia Servizi Ecologici” che dal 2004 gestisce il servizio.

Il canone ha subito quest’anno un incremento di oltre 155mila euro (l’anno scorso il Comune pagò 1.415.482 euro per tutto il 2010) dovuto, in parte, al riconoscimento di alcuni adeguamenti che per legge vanno riconosciuti al gestore, fatti salvi, ovviamente, ogni successivi ridimensionamenti dovuti a contestazioni del servizio, ridimensionamento, ecc. Ma soprattutto il maggior costo deriva dalla ordinanza del Commissario Delegato per l’emergenza rifiuti, Nichi Vendola, che predispone che i rifiuti della nostra zona (compresa Cassano) vadano prima bio-stabilizzati presso l’impianto dell’AMIU nella zona industriale di Bari quindi depositati presso la discarica di Giovinazzo; la questione del costo (ovvero chi doveva pagare questo aggravio di spesa) è rimasto a tutt’oggi irrisolto. Intanto i Comuni stanno pagando, dopo aver chiesto inutilmente alla Regione di accollarsi la spesa ma probabilmente finirà che solo e soltanto le casse comunali (dunque i cittadini) sopporteranno questi aumenti.

Ma com’è suddivisa la somma che il Comune spende per i rifiuti? Poco più di 737mila euro (più l’iva al 10%) se ne vanno per la raccolta e la pulizia di strade, cassonetti e servizi complementari mentre 57mila e 500 euro (anche in questo caso occorre aggiungere l’iva al 10%) costituiscono il tributo speciale per il deposito in discarica, la cosiddetta “ecotassa”, che grava, quindi, sulla tasche dei cassanesi per oltre 9500 euro al mese.

La Determinazione con cui si stabiliscono queste cifre è l’ultimo del contratto stipulato dalla ex amministrazione Gentile. Nel febbraio 2012, infatti, è prevista la scadenza dello stesso e l’amministrazione Di Medio sta già predisponendo le carte per la nuova gara che probabilmente si baserà su nuovi criteri e nuove regole che la legislazione, la sensibilità “verde” della società e la crisi economica stanno provvedendo a “dettare”.  Il compito della società torinese di ingegneria ambientale (la “Esper” srl, per un importo di poco più di 22mila euro) a cui è stato affidato il compito di scrivere il nuovo Capitolato speciale d‘appalto non è certo dei più semplici.

Commenti  

 
#4 Marg 2011-09-07 19:40
" ... 737mila euro (più l’iva al 10%) se ne vanno per la raccolta e la pulizia di strade ... ": quali strade ?
 
 
#3 Gb a Falsa Politica 2011-09-07 16:27
E quale sarebbe "la parte"? Non ho scritto che Vendola ha ragione o torto nè che il Comune di Cassano ha ragione o torto; ho solo descritto i fatti.
Quanto alla raccolta differenziata, il lettore, esperto in materia, potrà leggere decine di articoli su questo giornale sulla questione differenziata, sulle percentuali ridicole, ecc. ecc. Ma anche sul Capitolato Speciale d'Appalto che ne codifica la raccolta.
 
 
#2 FALSA POLITICA 2011-09-07 14:09
Ecco un altro articolo di parte, dove si afferma che l'aumento e' dovuto al processo di biostabilizzazione imposto da Vendola. Perche' non dite i motivi per cui Vendola lo ha imposto? Perche' non accusate mai l'amministrazione comunale di non far nulla per la raccolta differenziata? Inoltre siete da ammirare quando affermate che se paga il comune l'aggravio di spesa ricade sui cittadini, mentre non e' lo stesso se paga la regione. State veramente delirando.
 
 
#1 indignato 2011-09-07 11:31
già, questa era l'amministrazione delle competenze locali... che avrebbe affidato i compiti ai cassanesi capaci... coem è stata scelta la società torinese???? nessun cassanese ha risposto all'appello???? o nessun appello è stato fatto???? come al solito, siamo cassanesi e ragioniamo da cassanesi: in patria nessuno è profeta!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI