Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

SCOPRONO CHE LA FALCONERIA E’ INNATURALE!

falco_grillaio

In Italia se ne scopre sempre una nuova ma questa è davvero bella:  a proposito della manifestazione “Il sentiero del Grillaio – festa dell’aria” che si terrà domani sera a Cassano, la LIPU Puglia (Lega Italiana Protezione Uccelli) e un’altra associazione denominata ALTURA ( Associazione per la Tutela degli Uccelli Rapaci e dei loro Ambienti) scoprono oggi che la falconeria è innaturale, che fa male ai rapaci e che non si deve fare. Né promuovere o sostenere come fa il Parco dell’Alta Murgia. Nel programma della manifestazione, infatti, era previsto un Salone dei Rapaci e uno spettacolo di falconeria.

Le associazioni, in un comunicato, disapprovano, quindi, questa pratica forse dimenticando che da sempre nei mesi estivi questo tipo di manifestazioni sono all’ordine del giorno dovunque: basti pensare al Parco della Grancia che ne ha fatto una vera e propria attrazione.

Le associazioni ALTURA e LIPU sono contrarie a queste manifestazioni in cui i rapaci, costretti alla cattività, sono esibiti in situazioni e contesti del tutto innaturali.  Le emozioni suscitate dal fascino di questi uccelli predatori, a nostro avviso, non giustificano in nessun caso il possesso dell'animale e la domesticazione del rapace.  Siamo fortemente convinti che si possa scoprire, amare e vivere la natura senza necessariamente possederla, assoggettarla al nostro esclusivo piacere. Questo aspetto da sempre ci pone in contrasto con il mondo della Falconeria.  La caccia con i Falconi e i fasti venatori di Federico II, spesso evocati impropriamente, appaiono oggi quanto mai fuori luogo. A nostro avviso, è profondamente sbagliato cercare di sensibilizzare le nuove generazioni alla conoscenza e al rispetto della natura tramite la falconeria che era e resta una pratica venatoria.  Associare la falconeria al Grillaio non è esattamente una strategia di conservazione opportuna, ancor più in centri abitati come i paesi murgiani, dove il piccolo falco vive a stretto contatto con l’uomo. Sarebbe inopportuna la partecipazione attiva del Parco Nazionale dell'Alta Murgia ad una manifestazione che ha in programma una mostra di rapaci incatenati e successivo spettacolo di falconeria. In generale, riteniamo errata l’idea che questi spettacoli possano contribuire a diffondere una maggiore sensibilità alle tematiche ambientali e chiediamo al Comune di cancellare queste iniziative e all’Ente Parco di rivedere la propria posizione sull’argomento”.

Fin qui le associazioni ambientaliste. Che dicono, invece, dall’associazione che ha organizzato la serata, “Germogli di stelle”?

Il comunicato è del tutto fuori luogo – spiega Alessandro Verzino a nome del gruppo - in quanto negli ultimi giorni erano state accolte positivamente le osservazioni sollevate da queste 2 associazioni ed il programma dell'evento "Il sentiero del Grillaio" completamente rivisto.
Dunque il salone dei rapaci e lo spettacolo di falconeria cancellati dal programma e sostituiti da altri eventi.  Nonostante questo LIPU e ALTURA hanno voluto propagandare il loro disappunto coinvolgendo per di più l'Ente Parco Nazionale dell'Alta Murgia per una manifestazione che di fatto non esiste già più”.


Altro comunicato dal Parco dell'Alta Murgia:

CONFERMATA L'ADESIONE ALLA NOTTE DEL GRILLAIO
"Il comunicato stampa diffuso dalle associazioni ALTURA e LIPU di condanna dello spettacolo di falconeria previsto ne "La notte del Grillaio" in programma a Cassano delle Murge il 16 luglio p.v. si è rivelato inutile. Infatti, su sollecitazione delle stesse associazioni e di questo Ente Parco, il Comune di Cassano e le associazioni organizzatrici dell'importante evento avevano già nei giorni scorsi disdetto qualsiasi impegno con l'organizzazione di falconeria precedentemente contattata. L'eventuale spettacolo dei falconieri avrebbe messo in discussione la partecipazione dell'Ente Parco all'evento, facendo anche decadere il contributo economico accordato. Nonostante le rassicurazioni fornite dal Comune di Cassano, che ha anche prontamente coinvolto la LIPU di Gravina in Puglia nell'organizzazione di attività alternative allo spettacolo di falconeria e confacenti alla presenza dell'Ente Parco, le associazioni ALTURA e la stessa LIPU hanno voluto stigmatizzare ad ogni costo un evento già superato. L'Ente Parco conferma il sostegno alla manifestazione organizzata dal Comune di Cassano delle Murge, uno dei 13 Comuni del Parco, anche perché lo stesso Comune ha mostrato prontezza di riflessi e di decisione che, evidentemente, non è da tutti".

Commenti  

 
#10 walter 2014-08-30 12:08
che boiata!!!!!
fare i puritani non serve o gli animali sono tutti liberi come cani gatti conigli ecc ecc
o non serve a nulla bloccare manifestazioni di falconeria visto che non sono nate ieri ma potrei dire nate insieme al mondo
cari animalisti invece di attaccare i falconieri che vi viene più facile ( e a voi piace vincere facile) attaccate i cacciatori che loro fanno più strage che i falconieri.

e poi vorrei vedere quanti di voi anno un animale in casa ......... che dovrebbe essere libero a buon intenditor poche parole
 
 
#9 Francesco Prete 2013-06-14 09:58
Scommetto che molti componenti della Lipu hanno un cane in casa come molti di noi. Mi chiedo, ma il cane domestico non è meglio se vive in libertà visto che è un animale come lo sono i volatili? Prima di sparare a zero passiamoci la mano sulla coscienza. Io ci vedo un pò di ipocrisia! Buona giornata.
 
 
#8 Chiara 2012-08-01 21:30
Le tradizioni, se sbagliate, è giusto che si abbandonino. Credo che nessuno di noi possa immaginare cosa significhi, per uccelli maestosi come i rapaci, nati per volare liberi, essere costretti ad una vita di cattività. E sarebbe uno "scempio animalista" questo?! Vergogna
 
 
#7 xxx 2011-07-15 21:05
e ovvio che ogni animale che nn sia libero fa una vita innaturale.liberta' x gli animali
 
 
#6 Mircea Lovsky 2011-07-15 18:18
bravo yssam,ennesimo scempio animalista,e poi la gente si lamenta se le tradizioni scompaiono... ;-)
 
 
#5 futura 2011-07-15 16:38
E' esattamente come quando chi tiene inprigionato un uccellino in gabbia sostiene di essere un amante della natura ....mah!!
 
 
#4 VERZA ROY PACY 2011-07-15 13:24
ANDATE A CASA!!!
 
 
#3 yssam 2011-07-15 12:09
Un'altro "falso moralismo" ambientalista, la falconeria nasce come pratica venatoria, ma di qui a dire che quella che si pratica oggi è "unicamente" a fini venatori è decisamente fuori luogo.
Da segnalare anche che la pratica di caccia con il falco è soggetta ad autorizzazione, ovvero si necessità di un regolare porto d'armi.
Quelli che praticano la falconeria a livello venatorio sono pochissimi ed in periodi ristretti, lo stesso dicasi per quelli che la praticano per puro diletto rifacendosi ad un "ARTE" millenaria, ma che non vede alcuna forma di caccia se non una sua simulazione.
Allevare un falco comporta una serie di difficoltà che ne fanno un'arte per pochi. Ho conosciuto diversi falconieri, vedere l'intesa che si crea tra animale e uomo lascia sbigottiti, al pari del legame uomo-cane.
Purtroppo trattasi dell'ennesimo scempio animalista, privo di ogni base.
 
 
#2 Amante della Murgia 2011-07-15 10:41
In questi mesi mi sto rendendo conto che il falco grillaio ha ormai più diritti di un comune cittadino cassanese!
Ma p'piacer!!!
 
 
#1 Gaetano Pirulli 2011-07-15 08:22
Meglio tardi che mai, sono d'accordo con le associazioni animaliste.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI