Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

"IL COMUNE DEVE ASSUMERE" INSISTE L'UICI

uici

Il Comune di Cassano deve assumere una centralinista non vedente, così come la legge prevede, perché – come testimonia un verbale dell’Ispettorato del Lavoro del 29 marzo scorso, il Municipio ha una centralinista, una persona – cioè - che risponde al telefono e smista le chiamate. E quel posto spetta ad una persona non-vedente.

Punto e basta.

Duro e concreto il Presidente dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UICI) di Bari, Luigi Iurlo, che questa mattina ha tenuto nella sala consiliare di piazza Rossani una conferenza stampa per illustrare le loro richieste e la posizione in merito alla vicenda che qualche giorno fa (leggi il comunicato dell'UICI e la risposta del Sindaco) è “esplosa” in Municipio.

Una conferenza a cui il sindaco non ha voluto partecipare non avendo condiviso modi e tempi delle richieste dell’UICI e ne ha convocata un’altra per questa sera alle 19.00.

Secondo l’associazione il Comune di Cassano ha a disposizione un posto da centralinista che per legge spetta ad una non vedente; fin’ora questa esigenza non era stata avvertita da alcun iscritto all’UICI ma da qualche mese c’è una cittadina cassanese che fa parte dell’Associazione e che dopo una corso professionalizzante ha fatto richiesta per essere assunta in Comune, come centralinista.

Nel frattempo, però, l’amministrazione ha provveduto a dotare il Comune di un risponditore automatico delle telefonate dunque quel posto non esiste più: sarà una macchina a fare quel lavoro.

“Una bassa, sporca manovra – l’ha bollata il Presidente  - un fatto violento e duro nei confronti dei ciechi che non possono andare a chiedere l’elemosina per lavorare ma accampano solo i propri diritti”.

Stando a quanto rilevato dall’Ispettorato, infatti, il 29 marzo quel risponditore non c’era ma era una impiegata (tra l’altro non dipendente comunale ma in forza ad una cooperativa esterna) a rispondere al telefono. Né valgono le scuse della crisi economica poiché seconda l’Unione ciechi anche altre amministrazioni sono in crisi eppure, solo qualche giorno fa, la ASL Bari ha assunto nove centralinisti non vedenti e l’Università ne assumerà due a luglio.

Che succederà, adesso? Spetta alla signora che ha chiesto di essere assunta portare in Tribunale il Comune di Cassano, se lo vorrà. “Noi saremo al suo fianco” dicono all’Uici “ma non possiamo sostituirci ad essa poiché la legge non lo prevede”.

Commenti  

 
#14 volavola 2011-07-03 12:04
Mi sembra giusto che un portatore di handicap abbia un lavoro.Mi chiedo allo stesso tempo rinuncerebbe alla indennità di invalidità? Ho avuto modo di conoscere una persona che quadagnava per tre(pensione invalidità,stipendio e infortunio)e non avrebbe rinuciato a nulla, anzi si lamentava perchè ogni tanto era costretto a lavorare per il misero stipendio.Preciso che le rendite Inail non sono tassabili.
 
 
#13 io donna 2011-06-30 17:38
provassero a penalizzare prima loro stessi riducendo il loro stipendio visto che di lavori se non sbaglio ne fanno piu' di uno,bisognerebbe dare il buon esempio e non predicare bene e razzolare male.
 
 
#12 Cittadino cassanese 2011-06-30 14:45
Tra le parole di "quo vadis" (che si espresso cmq in maniera cortese), mi sento di sottolineare "I tempi delle conquiste sono ormai terminati"...
chi invece scrive "i soldi per pagare la signora li trovassero" non si rende conto della generale situazione economica...il comune, come molte aziende, non riescono più a "trovare" i soldi e si trovano nella condizione di dover ridurre TUTTI i costi per SOPRAVVIVERE...purtroppo anche i costi destinati all'assunzione di diversamente abili.
 
 
#11 killerqueen 2011-06-30 14:03
Spero che la signora venga assunta, almeno ci sara' qualcuno che ci ascolta!!!
E poi con tutti i soldi che buttano via per stronzate!!!!Na volta tanto che serve !!!!!
 
 
#10 Difendiamola 2011-06-29 22:06
perchè il sindaco non ha presieduto alla conferenza stampa della UIC se quello che lei afferma sia la verità?poi non credo che un centralinista costi 40 mila euro,conosco una persona che fa proprio quel lavoro e assolutamente non parla di quella cifra !!!
 
 
#9 Difendiamola 2011-06-29 18:00
scusatemi, mi dite perchè fino a qualche decina di giorni fa c'era una centralinista ed ora non c'è più,poi chiedo a quo vadis perchè credi che i non vedenti siano persone NON CAPACI !!! non lamentiamoci quando chiamiamo un ente e sentiamo quella voce elettronica che ci dice digita 1 per parlare con...digita 2 ecc..preferisco una centralinista !!!
 
 
#8 ...... 2011-06-29 16:41
sai quante persone si grattano in comune sostituiamola con la ragazza ;-)
 
 
#7 x quo vadis/cassanes 2011-06-29 16:25
Siete semplicemente vergognosi!

Pur di difendere l'indifendibile, tirate fuori - strumentalmente - argomenti di cui non ve n'è mai fregato niente in vita vostra!!!!

FATE PENA, A CAAAAAAAAAAAASAAAAA ANCHE VOI!!!!!

ANZI FUORI DALL'ITALIA....CHE È MEGLIO!
 
 
#6 Pina colapietro 2011-06-29 16:21
é vergognoso tutto questo,come al solito se i comuni sono deficitari devono essere sempre i deboli a doverne pagare le spese,i soldi per pagare la signora li trovassero,anche nel mio paese il comune è deficitario eppure al centralino è impiegata una non vedente straordinaria,esiste una legge in questo senso,quindi il comune la applicasse,e comunque una macchina non potrà mai sostituire il lavoro di un essere umano,questi centralini automatici si rompono facilmente è questo potrebbe essere un aggravio per le spese comunali.
 
 
#5 uccio 2011-06-29 16:18
invito il sig. "quo vadis" a rileggere ciò che ha scritto e rivedere la propria posizione. Dalle sue parole mi sembra di capire che lei sia convinto che la condizione di disagio di questa persona, che rivendica il suo diritto di lavoro, sia al giorno d'oggi una posizione di privilegio. Spero che si tratti di una svista, e la invito a sostenere questa persona (non questa categoria)perchè se per queste persone non c'è speranza si figuri per i "normali" come noi.
 
 
#4 Pina colapietro 2011-06-29 16:10
Non ci posso credere,favorire una macchina ad una persona,ma la vogliamo smettere,il comune di Cassano potrebbe solo ottenere vantaggio dall'assunzione della signora non vedente,per quanto riguarda la crisi non devono essere sempre i più deboli a pagare,anche il comune del mio paese è deficitario eppure al centralino abbiamo una non vedente straordinaria!
 
 
#3 Cittadino cassanese 2011-06-29 15:20
Come cittadino cassanese, e quindi contribuente, al di là dei sacrosanti diritti, chiedo di valutare la soluzione migliore e di tener conto che una nuova assunzione al Comune comporta comunque costi per tutti.
Grazie.
 
 
#2 quo vadis 2011-06-29 14:23
Pur rispettando lo stato di handicap di questa categoria, va detto loro che in un periodo di fortissima crisi economica e sociale dove le persone più capaci con prole a carico e non tutelate da nessuna forma di assistenza dallo Stato, soprattutto economica, non possono "sfamare" i loro figli.
I tempi delle conquiste sono ormai terminate. Ai ciechi lo Stato garantisce "un minimo".
Sarebbe ora che questa categoria che oggi vanta dalla Dr.ssa Di Medio un posto, stesse al suo posto, lasciando spazio a chi puo oltre al centralino può occuparsi di molte altre cose.
 
 
#1 roulette 2011-06-29 13:23
Scusate è come fà il Comune ad assumere un cieco, se questa amministrazione già non "vede" i problemi dei cittadini... ;-) ;-) :-*
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI