Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

"A SCUOLA DELL’ALTRO A SCUOLA CON L’ALTRO"

scuola_media

 



 

L’integrazione comincia a scuola. Sono i più piccoli coloro che per primi hanno la capacità di spogliarsi dei “pre-giudizi” e di accogliere coloro che provengono da Paesi e da culture lontane.

E’ il forte messaggio emerso dalla giornata conclusiva del progetto “A scuola dell’altro a scuola con l’altro” realizzato dalla cooperativa sociale C.R.I.S.I di Bari in sette istituti scolastici della Puglia (la scuola secondaria “Massari Galilei” di Bari, la scuola secondaria “Luigi Tinelli” di Alberobello, la scuola secondaria “Nicola Pende” di Noicattaro, la scuola secondaria “Mastromatteo” di Palo del Colle, la scuola secondaria “V. Ruffo” di Cassano delle Murge, il secondo circolo “Giovanni XXIII” di Martina Franca e il circolo didattico “Imbriani” di
Andria).

In occasione della manifestazione di chiusura, che si è svolta nella scuola “Massari-Galilei” di Bari, sono state raccontate le esperienze di chi ha dato vita al progetto, nato per integrare i piccoli stranieri e le loro famiglie nella società italiana. Il prof. Alberto Fornasari, docente di Pedagogia interculturale dell’università di Bari, ha sottolineato la necessità di una formazione interculturale dei docenti perché ormai l’aumento di studenti stranieri obbliga a ciò. Damiano Lirchio, animatore del C.R.I.S.I., ha spiegato che durante i laboratori, che hanno coinvolto insegnanti, studenti e genitori, si è cercato di “far dimenticare i ruoli occupati da ognuno nella società per incontrare l’altro in maniera diversa”. E proprio gli studenti e i genitori sono stati i più entusiasti, raccontando le loro esperienze, spesso anche toccanti, come quella di un piccolo brasiliano che ha avuto non poche difficoltà per farsi accettare dai compagni.

La manifestazione si è conclusa con la trasmissione di un video realizzato durante le attività in cui i ragazzi hanno mostrato che conoscersi meglio aiuta tutti a star meglio.

Il progetto ha avuto la collaborazione dell’associazione Abusuan di Bari, dell’ associazione Sinergia di Bitonto, dell’Unicef Puglia e la partnership dell’assessorato alle Politiche educative e giovanili del Comune di Bari.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI