Mercoledì 13 Novembre 2019
   
Text Size

CENSIMENTO AGRICOLTURA: IL COMUNE NON RISPONDE

lavoro

Maria Pia Di Medio, sindaco di Cassano: “Prima di voler fare il giornalista, impara a leggere, scrivere e documentarti. Così eviti di scrivere c….te”; Ignazio Zullo, Presidente del Consiglio Comunale “I giornalisti... dico sempre: se volete esprimere delle opinioni, candidatevi…non scrivetele”.

Il tutto è accaduto ieri sera, all’indirizzo di chi scrive queste note, al termine del Consiglio Comunale. Potremmo discettare sulla ricorrente diversità di vedute fra primo cittadino e Presidente del Consiglio oppure sulla inaugurazione a un anno dall’elezione, anche da parte di questo sindaco così come per i precedenti, del “dagli addosso a chi scrive contro di me” o ancora sulla confusione che fa il Presidente fra il ruolo del politico e quello del giornalista: forse a forza di fare “le interviste di rilievo” deve aver mischiato le due funzioni.

Ma non è di questo che vogliamo parlare. Piuttosto dobbiamo chiederci: perché tanto nervosismo ai vertici dell’Amministrazione Comunale? Perché il cronista di CassanoWeb viene apostrofato in quel modo?

Tutto nasce dall’articolo di CassanoWeb dello scorso venerdì 24 settembre sul Censimento dell’Agricoltura che il Comune di Cassano ha “deciso di fare da sé”, al contrario di altri Comuni che hanno fatto ricorso ai rilevatori esterni e non, come accaduto a Cassano, al personale comunale.

La rivelazione di quanto accadeva in Comune ha mandato su di giri qualcuno. Ci rivela un assessore che vuole mantenere l’anonimato: “Io sinceramente l’ho appreso da voi di CassanoWeb…non ne sapevo niente. So, però, che la cosa ha fatto molto incazzare il sindaco e più di un funzionario. Vi arriverà una risposta a breve”.

Il fatto, poi, è stato ripreso ieri, in Consiglio Comunale, da una interrogazione del capogruppo “ViviCassano-Pd”, Rico Arganese che ha chiesto all’amministrazione il perché di questa scelta, quella cioè di non fare ricorso a rilevatori esterni ma ai dipendenti comunali e come mai la Determinazione del Dirigente dei Settore, il dott. Colucci, mancava dell’atto di indirizzo da parte della Giunta. Cioè: chi ha deciso di fare in questo modo?

Le risposte dell’Amministrazione, giunte tramite l’Assessore all’Agricoltura, Michele Ruggiero, sempre ieri in Consiglio Comunale: “Ricevute le disposizioni dall’Istat – ha spiegato Ruggiero – il Comune ha nominato come Responsabile dell’Ufficio di Censimento il dott. Colucci in quanto a capo dell’Ufficio Statistica del Comune. Secondo le Circolari dello stesso Istat occorreva prima ascoltare che fra i dipendenti comunali vi fossero persone disponibili e poi nel caso di mancanza di disponibilità, si sarebbe fatto l’Avviso pubblico; sono state rilevate nove disponibilità e dunque si è proceduto come l’Istat indicava”. Di più: l’Assessore Ruggiero aveva detto a CassanoWeb, in mattinata, che l’Istat disponeva precisi requisiti per i rilevatori, ad esempio, diploma o laurea in discipline agrarie.

Peccato che questa, però, non sia la verità.

Tutti conoscono l’Assessore Ruggiero come un galantuomo, del quale non si può mettere in dubbio né la buona fede né la sincerità. Ma deve essere stato informato male oppure ha letto parzialmente le carte.

Basta una semplice lettura delle Circolari emanate dall’Istat a luglio (le trovate qui) per comprendere che l’articolo di CassanoWeb aveva ed ha un senso e che le carte, prima di scrivere, le leggiamo.

I rilevatori, spiega l’Istatdebbono essere reclutati (…) tenendo conto delle specifiche esigenze locali, mediante una o più delle seguenti modalità:

- selezione tra i dipendenti dell’amministrazione che ha costituito l’Ufficio di censimento;

- selezione di dipendenti di altre amministrazioni pubbliche territoriali o funzionali, nel rispetto delle norme regionali e locali;

-procedure selettive per il reclutamento di personale esterno alle pubbliche amministrazioni;

- ricorso ad elenchi preesistenti formati tramite procedure selettive o altre forme previste dalle norme vigenti”.

Nessun obbligo, dunque, come invece dice l’Amministrazione per bocca di Ruggiero. E invece il diploma o la laurea si riferiscono a "rilevatori intercomunali" non a quelli comunali per i quali necessita solo il diploma di scuola media superiore.

Spiega ancora l’Istat (riprendendo il DPR n. 154 del 23 luglio 2010, Art. 23 – “Modalità di reclutamento”): “Le modalità sopra indicate non sono ordinate in modo gerarchico; esse possono essere utilizzate in modo tra loro alternativo o complementare, in relazione alle peculiarità, esigenze e necessità di ciascun organo di censimento incaricato del reclutamento”.

Ovvero: si poteva scegliere fra le diverse modalità, senza alcun obbligo di legge. Come invece dicono, sbagliando, dal Comune.

D’altra parte perché la stragrande maggioranza dei Comuni italiani avrebbe scelto di fare ricorso a personale esterno? Basta una piccola ricerca per accorgersi che a fronte di migliaia di Comuni che hanno chiamato giovani e disoccupati a lavorare, pochissime amministrazioni hanno fatto lavorare chi già lavora, ovvero i dipendenti comunali. E’ il caso di Empoli o Manfredonia: subissati, entrambi da critiche da parte dei giornali locali.

Si legga, invece, cosa ha fatto il Comune di Ruvo di Puglia, poche decine di chilometri da Cassano. Con Delibera di Giunta quell’amministrazione ha deciso di fare ricorso a personale esterno, motivandolo egregiamente: “RITENUTO, in considerazione dell'attuale situazione di crisi economica e di diffuso stato di disoccupazione, di reclutare i rilevatori comunali attraverso l'attivazione di procedura selettiva per il reclutamento di personale esterno alle P.A.

Da buoni amministratori, cioè, hanno pensato non ha chi ha già uno stipendio ma a chi non lavora e magari avrebbe potuto portare a casa qualche euro per qualche mese.

Allora, sindaco: le abbiamo lette o no le carte? E volete spiegare ai giovani ed ai disoccupati cassanesi il perché di questa scelta? Perché, cioè, manca l’atto di indirizzo e si è lasciato decidere agli Uffici cosa fare? Perché la Giunta non ne sapeva nulla, tanto da non aver deliberato in materia?

Non vogliamo le scuse: ci basta qualche risposta.

Commenti  

 
#19 cassanese doc 2010-10-09 11:50
chiara presto saprai tutta la verità;-);-);-);-);-);-)
 
 
#18 obiettivo 2010-09-30 16:26
sapienza, zullo? non vorrei dire, ma stavolta non vedo quale responsabilità abbia. piuttosto, l'assessore all'agricoltura chi è? perchè nulla ha fatto per coinvolgere la cittadinanza? il punto credo sia proprio questo. poi se si vuole strumentalizzare........
 
 
#17 giuann 2010-09-30 12:26
ma l'assessore Sapienza dormiva ! promesse, promesse, promesse.
Ma vedo che un po tutti dormivano compreso il consigliere regionale zullo che mi ha maggiormente deluso in quanto con la sua esperienza poteva controllare qualcosa ed evitare queste figure con i giovani e disoccupati.
 
 
#16 miche 2010-09-30 12:20
un appello all'assesorato alla Gioventù è il momento di farti valere di minacciare i potenti e di far sentire la tua voce... è schifosa una scelta del genere... fatti valere come sai fare tu...
 
 
#15 il popolo 2010-09-30 02:22
Difficile dire chi è più cialtrone...
GB, che tristezza sei diventato.
Mi fai quasi pena...
 
 
#14 alex 2010-09-30 01:05
Da giovane disoccupato dico che questo denota che l'amministrazione se ne frega. All'assesore Sapienza, che ho votato, dico che mi ha deluso. ha sempre affermato di voler difendere i giovani... i risultati si vedono. attenta stai avallando operazioni che stanno consentendo ai già ricchi di arricchirsi, capito mi hai.
 
 
#13 chiara 2 2010-09-30 01:01
questa è una scelta che denota il mancato rispetto per quelle famiglie e/o giovani che sicuramente avrebbero potuto giovarsi di qualche introito economico. Vergognatevi
 
 
#12 aldo 2010-09-30 00:59
dato che in campagna elettorale avevano promesso tanti posti di lavoro, scegliendo personale dall'esterno avrebbero potuto accontentare solo pochi. Così hanno risolto il problema... e accontentato i dipèendenti che diranno sicuramente che questa amministrazione è migliore della precedente.
 
 
#11 Agricoltore 2010-09-29 22:13
Si tratta di "do ut des": ***MODERATO***
 
 
#10 zio ciccio 2010-09-29 18:00
Bravo Brunelli. Se continui così avrai l'ambito record che da non consigliere comunale hai messo in crisi tre sindaci, Leporale con muovitimuoviti e Gentile - Di Medio con cassanoweb, senza dimenticarsi che con Il Resto hai fatto praticamente fuori un prete. Ora ti spetta di andare da Santoro.
 
 
#9 coccinella 2 2010-09-29 16:59
ahhahahahaha che figura !!!!!ahahah
 
 
#8 minoooo! 2010-09-29 15:59
chi è causa del suo male pianga se stesso! li hanno votati ed ora ce li teniamo..:sad: ( e pensare che promettevano anche lavoro ahahahahahahah)
 
 
#7 poldo! 2010-09-29 15:56
sinceramente sono stufo anche di commentare...!!!tanto lo si era già capito della fine che avremmo fatto!!:sad:
 
 
#6 Eraclio Mantegazziani 2010-09-29 15:50
Beh, che dire?
Quanto meno trattasi di un caso di "opacità"; non male per chi ha accusato altri di aver operato al buio per dieci anni.
Ma non voglio fare polemiche, essendo solo un osservatore di ciò che accade.
Nemmeno quando dico che non oso immaginare le polemiche che ci sarebbero state sulle liste dei soggetti scelti qualora si fosse optato per gli "esterni".
Però, è vero: troppo nervosismo, troppi rancori: non mi piace.
Così come non mi è piaciuta la cattiveria di brunellosi.
 
 
#5 brunellosi 2010-09-29 14:44
dimmi Brunelli, ma sta storia l'hai sollevata perchè volevi un incarico giacchè sei un disoccupato cronico
 
 
#4 per amministrazione 2010-09-29 14:15
tutto questo per dire cosa,che non siete di parte?
Andate a pigliare in giro qualcun'altro!
 
 
#3 Peppin de cassen 2010-09-29 14:03
Arganese non lo fregate mica cosi !!! Ruggiero apri gli occhi.
Non era meglio dare lavoro ai disoccupati ???
Vorrà dire che li manderemo alla casa del Sindaco
 
 
#2 Elettore PdL e Di Medio 2010-09-29 13:21
Meno spocchiosità e più umiltà. O facciamo la stessa fine di Gentile. Più ascolto.
 
 
#1 mmmmmmmmmmmm 2010-09-29 13:18
questo nervosismo anche contro Cassanoweb la dice lunga................
c'è poco da commentare, i fatti parlano.
voglio le ELEZIONI ANTICIPATE
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.