Sabato 31 Ottobre 2020
   
Text Size

TRIBUTARIA, “E’ MATERIA DA CORTE DEI CONTI”

corte_dei_conti_della_puglia

Non spetta alla giustizia civile determinare il danno che il Comune di Cassano Murge avrebbe subito dalla azione della “Tributaria Intercomunale s.p.a”: a farlo dovrà essere la Corte dei Conti.

Lo ha deciso l’altro ieri il Tribunale di Bari – sezione staccata di Acquaviva delle Fonti, pronunciandosi definitivamente sulla vicenda della società mista costituita dall’ex sindaco Leporale nel 1995 e che è costata una condanna definitiva per abuso d’ufficio allo stesso Leporale ed a cinque assessori della sua ex Giunta Comunale, tra cui Amedeo Giuliani, marito dell’attuale sindaco di Cassano, Maria Pia Di Medio.

Secondo i giudici, infatti, non può essere il Tribunale Civile a poter quantificare il “danno erariale e d’immagine” che il Comune avrebbe subito dalla condanna dei sei ex amministratori ma tocca alla Corte dei Conti farlo.

Per capirci qualcosa occorre fare un passo indietro e ricapitolare la vicenda per sommi capi.

Il Tribunale di Bari, nel maggio 2002 riconobbe sei ex amministratori del Comune di Cassano colpevoli di abuso d’ufficio, condannando l’ex sindaco a un anno di reclusione e gli ex assessori a otto mesi di reclusione (pena sospesa) e tutti alla interdizione dai pubblici uffici per un anno nonché al pagamento delle spese processuali. A parte, poi, si sarebbe dovuto decidere il danno patrimoniale e morale subito dal Comune.  Anche in Appello, nel dicembre 2004, i Giudici del Tribunale di Bari confermarono la condanna dei sei e, infine, la sentenza passò al vaglio della Corte di Cassazione che nel dicembre 2005, rigettando il ricorso, dell’ex sindaco e assessori, confermò definitivamente la condanna penale a loro carico.

Da dove nasceva questa accusa?

Dall’aver affidato alla società pubblico-privata “Tributaria Intercomunale s.p.a” (composta dal Comune di Cassano quale socio di minoranza e da una società privata, “Il Pellicano” che deteneva il 70% delle quote societarie) il servizio di gestione dei tributi comunali per 50 anni, riconoscendogli un aggio del 28,5% dei maggiori tributi, interessi e sanzioni accertate. Nell’operazione i giudici riscontrarono diverse anomalie: il capitale sociale alla costituzione fu tenuto basso, 200 milioni di vecchie lire invece di 1 miliardo; il bando di gara da parte del Comune per cercare il socio privato non fu pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale né su quotidiani nazionali come la legge prevede; nessuna quota era destinata all’azionariato diffuso; nel bando di gara non erano inseriti i criteri di valutazione per la scelta del partner privato nonché una serie di norme previste dalle norme che regolavano la materia. In sostanza, gli ex amministratori avevano voluto favorire la società privata che avrebbe poi “ricambiato” il favore con, ad esempio, assunzioni di persone vicine all’amministrazione o loro parenti. Il tutto a danno dei cittadini cassanesi e delle casse comunali.

Conclusi i processi e quantificate le pene, la vicenda penale è chiusa.

Resta il danno patrimoniale subito dal Comune, assieme a quello morale e di immagine che andava quantificato e verificato: l’ex Sindaco Gentile, nell’agosto 2006, decise (con un proprio decreto) di far stimare da un professionista barese, il commercialista Michele Danza, il danno subito dal Comune in seguito alla vicenda. Secondo Danza il danno subito sarebbe stato di 5 milioni di euro. Una stima, fra l’altro, che costò alle casse del Comune oltre 10mila euro, la parcella del professionista barese.

Stima inutile, superflua?

Certamente, visto che, intanto, si stava muovendo la Procura della Corte dei Conti che acquisisce atti, documenti, sentenze e tutto ciò che occorre per esprimere in giudizio compiuto sulla vicenda e quantificare eventuali danni subiti dal Comune. La Corte dei Conti, infatti, è l’unica ad avere competenza in merito essendo materia che riguarda la Pubblica Amministrazione. La Corte, quindi, “invita a dedurre” i sei ex amministratori su un presunto danno erariale di 248.500,60 euro. Chiede, cioè, di produrre una propria memoria difensiva che, accanto alle prove d’accusa, produrranno la sentenza definitiva.

Dinanzi all’inchiesta della Corte, però, il Comune di Cassano non si ferma, fa andare avanti la macchina della giustizia: intenta causa nei confronti degli ex sei amministratori e li cita in Tribunale per chiedergli conto del danno stimato da Danza.

Già nella prima udienza (aprile 2009) dinanzi al Tribunale, però, il difensore del Comune, l’avv.to Greco, ritira tutto.  Nella trascrizione del verbale si legge: “L’avv. Greco preso atto che successivamente all’introduzione del presente giudizio la Procura della Corte dei Conti ha manifestato la proposizione di azione di responsabilità erariale, al solo fine di evitare la pendenza di due distinti procedimenti per lo stesso oggetto, innanzi a due distinte giurisdizioni, con inutile duplicazione di attività processuali e conseguente aggravio di spese, aderisce alla richiesta di sostenere la giurisdizione della Corte dei Conti, rimettendosi comunque alla valutazione del sig. Giudice.”

In altre parole, il difensore del Comune di Cassano riconosce che sulla vicenda ci sono due distinti giudizi e si rimette alla decisione del giudice.

Cosa che è avvenuta l’altro giorno: i giudici chiudono la vicenda e rinviano alla Corte dei Conti la quantificazione del danno erariale; quanto alle parcelle degli avvocati, il Tribunale ha deciso di “compensare” ovvero ognuno pagherà i propri. Rosavio Greco, l’avvocato del Comune di Cassano, è già costato alle casse comunali circa 40mila euro.

Ma si tratta solo di acconti.

Commenti  

 
#10 chi cera 2010-05-15 03:37
IO ricordo solo che in quel periodo ogni 6 mesi ero costretto a tirar fuori un pacco di carte per dimostrare di aver pagato tutto. Potrei sbagliare, ma l'aggio era legato all'accertato (o qualcosa di simile), quindi più ingiunzioni spedivano, più guadagnavano. Pensare che adesso molti di quei personaggi "svolazzano" di nuovo sul comune, mi fa piangere.
 
 
#9 gb x Dario 2010-05-15 00:35
Se vogliamo essere precisi (ma dubito che a Dario interessi) chi denunciò il tutto con un esposto alla Procura della Repubblica ( marzo 1998) furono i consiglieri comunali di Greco, Angiulo, Zambetta e Missoni. Gentile non c'entra.
 
 
#8 dario 2010-05-14 23:26
come sempre Brunelli non è obbiettivo e da giudizi fuori luogo. Se gli amministratori sono stati condannati in tre diversi processi significa che l'atto della costituzione della società era illeggittimo e truffaldino. Gentile ha avuto il coraggio di denunciare questo. QUESTI SONO I FAATI!
 
 
#7 Icaro 2010-05-14 20:03
Mi chiedo, vi sono precedenti di specie?
Ovvero, perchè un amministratore che subentra ad un altro, oltre ad agire con atti amministrativi e penali contro questi per smantellare una macchina "truffaldina", agisce anche contro il patrimonio della persona?
Potrebbe ravvisarvi un eccesso di zelo di tutela del patrimonio pubblico in danno di un "patentato nemico politico"?
Era proprio necessario infierire con la richiesta del danno patrimoniale?
Ma alla fine il beneficio REALE per i cittadini, qual'è?
Oppure sono solo vendette personali?
 
 
#6 Carmelo 2010-05-14 19:43
Per G.B: Non contesto la fase giudiziaria a cui le do pieno atto in quel che dice, ma rifletto sulle motivazioni che hanno spinto l'amministrazione Gentile. La stima preventiva aiuta la parte lesa nel presentare una miglior azione legale. In pratica il Comune di Cassano potrebbe anche impugnarsi se la Corte dei conti le definisse una cifrà molto più piccola, partendo proprio dall'analisi effettuata dal dott. Danza.
 
 
#5 g.b. per Carmelo 2010-05-14 19:30
Il "superfluo" non è un giudizio di merito nè una opinione ma una semplice constatazione, un fatto. Proprio perchè non spetta alla giustizia civile determinare il danno ma - come insegnano decine e decine di sentenza della Corte di Cassazione - alla Corte dei Conti.
 
 
#4 Michele2 2010-05-14 19:13
Sara ne parleremo quando chi di dovere presenterà il CONTO alla cricca cassanese.
 
 
#3 Carmelo 2010-05-14 17:53
Stima inutile, superflua? Certamente, visto che...
La scelta della quantificazione dei danni, richiesta dalla vecchia amministrazione ha pro e contro, ma potrebbe essere utile ad una miglior comprensione della dinamica legale.
Non facciamo dunque, la solita demagogia per andare contro l'amministrazione Gentile e limitiamoci ad informare senza giudizi personali.
Non sono esperto di giornalismo, ma le opinioni andrebbero inserite nello spazio riservato ai commenti.
Nel complesso bell'articolo, ma lasciamo le sentenze ai giudici.
 
 
#2 sara 2010-05-14 17:37
Possibile che un avvocato gentile non sapesse che la competenza è della Corte dei Conti? Viene fuori l'accanimento e la cattiveria. Un giudizio temerario intentato solo solo a scopi elettorali, per denigrare la nostra Mariapia in campagna elettorale con un cinismo disprezzante delle casse comunali. Sì, perchè ora è giusto che le spettanze di Danza e dell'avv. Greco deve pagarle il forte, onesto e gentile e non la collettività. Come avete potuto sostenere questa gent-aglia, questa cattiveria, questa perfidia!!!! E ora continuate da domani con una nuova idea a darmi addosso solo perchè sono sveglia e non solo a primavera.
 
 
#1 un cittadino 2010-05-14 12:14
Ottimo articolo, finalmente è possibile capirci qualcosa sulla questione.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.